La Roma e l'offerta dal Kuwait, il mediatore Alateeqi: «Dietro di noi non c'è il fondo sovrano»

03/08/2020 alle 10:27.
as-roma-ufficio-eur

ILTEMPO.IT (F. BIAFORA) - Alharith Alateeqi e Fahad Al-Baker. I nomi di questi due imprenditori del Kuwait sono sulla bocca di mezza Roma da ieri pomeriggio quando lo stesso Al-Baker, proprietario della Winners International Trading, ha parlato pubblicamente su del tentativo di acquistare il club giallorosso: “Ora posso confermare che abbiamo presentato un’offerta a per l’acquisizione dell’AS Roma, attraverso il mio intermediario Alharit Alateeqi. Stiamo aspettando la risposta di ”.

Alateeqi vive a Roma dal 2019, dove lavora per la Kuwait Petroleum International (la compagnia opera in Italia con il marchio Q8) e lo abbiamo contattato per chiarire meglio la situazione: “Io - rivela a Il Tempo rispondendo dalla sede del suo ufficio romano - sono soltanto il mediatore per Al-Baker. E’ una mia iniziativa privata da mediatore, ho una compagnia in Kuwait, non c’è alcun legame tra questo investimento e la Kuwait Petroleum International e non c’entra niente il fondo sovrano del Kuwait con questa operazione. Quello di Al-Baker è un investimento di privati”.

VAI ALL'ARTICOLO ORIGINALE