L'addio di Pellegrini servirà per finanziare la conferma di Zaniolo

14/07/2020 alle 07:45.
lp_11060100

LEGGO (F. BALZANI) - Nel piano pro Zaniolo spunta un pericolo. Per resistere alle tentazioni mondiali per il 21enne più promettente del nostro calcio, infatti, la Roma rischia di dover rinunciare a un altro talento: Lorenzo Pellegrini. La posizione del centrocampista di Cinecittà non è mai stata così in bilico tanto che la dirigenza non ha ancora fissato un appuntamento per il rinnovo con adeguamento ed eliminazione della clausola.
Al momento chi vuole prendere Pellegrini deve fare solo due cose: pagare 30 milioni (in due annualità) e convincere il giocatore a lasciare la sua squadra del cuore. Il secondo aspetto sembra più ostico del primo. La cessione di Lorenzo permetterebbe alla Roma di mettere il tassello più grande nel piano plusvalenze estivo che comprende anche , Schick, Under e Kluivert. In attesa del possibile cambio di proprietà.  L'interesse più concreto per Pellegrini arriva dal Psg di Leonardo, mentre è calato quello di e complice anche l'abbassamento di rendimento del giocatore in confronto a quello di altri concorrenti come Tonali, Castrovilli o lo stesso Zaniolo che ieri ha dichiarato: «Se giochiamo come a Brescia battiamo il Verona, ci mancano i tifosi».  I numeri di Lorenzo in questo 2020 sono in picchiata: zero gol e tre assist in 12 partite. Nel 2019, in 23 gare, i passaggi vincenti erano stati nove e le reti tre. Ma più che i dati (quello relativo agli assist resta alto) fa discutere la difficoltà di Pellegrini di sapersi caricare la squadra sulle spalle nei momenti di difficoltà tant'è che l'unico gol davvero pesante della sua carriera giallorossa resta il tacco nel derby nel 2018 quando il ruolo di trequartista disegnato da sembrava calzargli a pennello.  Una piccola impronta se paragonata a quanto fatto alla sua età (24 anni) dai tre capitani romani che lo precedevano ovvero , e . Di tempo Pellegrini per esplodere davvero ne ha. Per questo nella Roma non tutti sono convinti di lasciarlo partire. Meno dubbi su che di fronte a una buona offerta sarà sacrificato visto l'ingaggio da 7,5 milioni. Non c'è solo l' (che offre Vecino), ma pure la . Capitolo Smalling: passi avanti con lo United ma serve ancora qualche milione. Il difensore non recupererà per domani col Verona quando torneranno Mkhitaryan e Cristante.