«Già a maggio trattavo Dzeko». La 'confessione' di Petrachi a Roma dà ragione a Cairo

12/09/2019 alle 09:41.
as-roma-allenamento-mattutino-a-trigoriaas-roma-allenamento-mattutino-a-trigoria-2

Ha deciso di non farsi mancare proprio niente, Gianluca Petrachi. Nemmeno la confessione. Di aver lavorato da ds per la Roma quando ancora lo era - almeno contrattualmente - del Torino [...]. E così ieri l’altro, a margine della presentazione di Mkhitaryan, quello che per i tifosi giallorossi è subito diventato «armeno tu nell’universo», il dirigente pugliese a una domanda su se n’è uscito trullo trullo. «Quando io la prima volta a maggio ho incontrato l’ ho posto il mio prezzo per Edin, poi quel prezzo non è mai arrivato dall’».

[...] Ora, al netto dello stile diciamo ruvido (vedi, ad esempio, la frase «adesso tutti hanno capito che nessuno viene più a Roma a fare il prepotente») e di certi mezzi avvertimenti che non dicono ma lasciano intendere, è chiaro che la tafazziana uscita di Petrachi potrà avere ulteriori conseguenze. La prima s’è registrata ieri, quando da Milano segnalavano un Cairo gongolante manco il Toro avesse vinto un derby [...].

(tuttosport)