Rizzoli: "Il 99% degli arbitri avrebbe dato quel rigore alla Lazio"

29/06/2020 alle 12:21.
rizzoli-2

RADIO ANCH'IO - Nicola Rizzoli, Responsabile del Settore Tecnico Arbitrale (ovvero designatore) per la serie A, ha rilasciato una lunga intervista all'emittente radiofonica del generoso rigore concesso alla Lazio nella gara con la  e rispondere alla richiesta del presidente Commisso che ha chiesto la possibilità per i club di richiamare gli arbitri all’utilizzo del Var. Queste le sue parole:

Var a chiamata?
Può essere una considerazione. E’ una scelta fatta dall’ente che gestisce regole e protocollo. Il problema si sente maggiormente in Italia rispetto ad altre nazioni. Non avrei nulla di ostativo però dobbiamo tenere in considerazione che siamo all’interno di un sistema di competizioni europee e mondiali e le regole devono essere uguali ma al momento non è un argomento in discussione. Bisognerebbe provarlo, ma potrebbe non togliere le polemiche. 

Il rigore concesso alla Lazio?
Il calcio non è una scienza esatta. Se guardiamo la dinamica dell’azione era difficilissimo dal campo vedere qualcosa di diverso nella dinamica dell’azione con il contatto tra Caicedo e Dragowski. C’è stata malizia dell’attaccante, il 99% degli arbitri avrebbe dato quel rigore. 

Perché non si va a vedere l’episodio dubbio? 
Perché ha dinamiche e qualità che rendono questo sport bello e i dubbi possono essere tanti. Se dovessimo utilizzare la tecnologia per redimere i dubbi si andrebbe a incidere molto, per questo si va a correggere solo errori chiari ed evidenti. La Var non serve per redimere dubbi rovinerebbe spettacolarità, il ruolo della Var non è ancora professionale, nel giro di qualche anno saranno tutti professionisti. Il protocollo può essere migliorato, il progetto Var è giovane e quindi anche attraverso gli errori verrà perfezionato