Non oltrepassare la linea...giallorossa: con Mancini-Smalling subìti 0,6 gol a partita. Nessuno come loro in Serie A, Manolas-Koulibaly i peggiori

09/12/2019 alle 12:27.
roma-vs-brescia-serie-a-tim-20192020-24

LAROMA24.IT (Mirko Bussi) – Uno da Pontedera, l’altro da Greenwich. Quella che era la stazione intermedia tra Pisa e Firenze e il luogo che ospita il meridiano più famoso. Uno del 1996, in tempo per gli Europei d’Inghilterra, un altro nel 1989, appena tre giorni dopo un derby al Flaminio pareggiato da Giannini a 7 minuti dalla fine. Uno nel 2017 debuttava in Serie A, l’altro aveva da poco vinto l’Europa League, il primo e finora unico trofeo europeo della sua carriera. Uno è Mancini Gianluca, l’altro Smalling Christopher Lloyd.
Insieme a Roma dalla scorsa estate, il primo come grande investimento per il ruolo, il secondo grazie ai saldi di fine stagione. Uno in rampa di lancio, l’altro in cerca di rilancio. Insieme, hanno trovato quello che cercavano. Così lontani, così complementari: Smalling e Mancini si sono incastonati l’uno nell’altro diventando una coppia di fatto, in grado appena venerdì scorso di mettere la museruola a belve della taglia di Lukaku e Lautaro Martinez. Al punto che nessun altro duo difensivo, in Italia, ha la loro media gol subiti.

0,6 reti subite a partite è il dato medio dei gol subiti dalla Roma con i due in campo: badi bene, si considera anche il periodo in cui Mancini trasmigrò a centrocampo. Infatti, se il campo viene ristretto alle sole partite giocate come coppia difensiva si scende a 0,33 che in pratica significa che nelle 6 partite vissute uno al fianco dell'altro solo Joao Pedro, su rigore, e Faraoni, sono riusciti a valicare il muro della MS. Conteggio che scende a 0,28 di media inserendo anche lo 0-3 di Europa League ad Istanbul, con la coppia Smalling-Mancini a protezione di Pau Lopez.

Il lucchetto che hanno stretto insieme l’inglese e l’italiano sul ponte della difesa romanista li porta in vetta nella classifica delle coppie più redditizie della Serie A. Perché nessun’altra squadra del campionato nostrano ha un duo difensivo con una media gol subiti inferiore: Mancini e Smalling, per rendere l’idea, staccano Skriniar e De Vrij, i più frequenti nel trio difensivo di Conte, fermi a 0,9 come Acerbi-Radu, i più utilizzati da Inzaghi nei vari schieramenti a 3 della terza linea laziale. Prima della Juventus, quinta e unica insieme alla Roma nelle posizioni di vertice della graduatoria a schierarsi regolarmente a 4, s’incunea il Verona con Rrahmani-Gunter. A testimonianza di come il sole estivo alteri le premonizioni calcistiche della stagione, per ritrovare la coppia più temuta d’agosto, quella dell’ex giallorosso Manolas e di Koulibaly, bisogna scorrere l’intera classifica. 1,9 gol subiti a partiti: come il Bologna di Denswil e Bani o il Lecce di Lucioni e Rossettini. L'estate, in fondo, è finita da un pezzo.

LA CLASSIFICA DELLE COPPIE DIFENSIVE DELLA SERIE A*:

ROMA (Mancini-Smalling) 0,6 gol subiti a partita (0,33 contando le partite in cui hanno giocato come coppia difensiva)
INTER (Skriniar-De Vrij) 0,9
LAZIO (Acerbi-Radu) 0,9
VERONA (Rrahmani-Gunter) 1
JUVENTUS (Bonucci-De Ligt) 1,1
PARMA (Iacoponi-Bruno Alves) 1,2
MILAN (Romagnoli-Musacchio) 1,3
CAGLIARI (Pisacane-Klavan) 1,4
SAMPDORIA (Colley-Ferrari) 1,4
SPAL (Vicari-Tomovic) 1,4
TORINO (Izzo-Nkoulou) 1,4
GENOA (Zapata-Romero) 1,5
SASSUOLO (Marlon-Romagna) 1,6
ATALANTA (Toloi-Djimsiti) 1,6
BRESCIA (Cistana-Chancellor) 1,6
FIORENTINA (Milenkovic-Pezzella) 1,6
UDINESE (Troost-Ekong-Becao) 1,7
BOLOGNA (Bani-Denswil) 1,9
LECCE (Lucioni-Rossettini) 1,9
NAPOLI (Koulibaly-Manolas) 1,9

* Il dato prende in esame i due difensori centrali più presenti nelle 20 squadre di Serie A, utilizzando lo stesso principio anche per le formazioni che abitualmente si schierano a 3.

@MirkoBussi