Mourinho, il decalogo silenzioso e la caccia all’ultima Coppa

03/10/2023 alle 07:17.
roma-frosinone-mourinho

Una stanza, spezzone di video che scorrono, la tensione che si taglia con lame virtuali. Quella Armata Brancaleone chiamata Roma ha perso da meno di 24 ore una terribile partita contro il , i tifosi hanno contestato e ora incombe il derby casalingo con un  strutturato per fare meraviglie. Serve una svolta. Sullo schermo passano immagini di cattivi posizionamenti in fase di non possesso, di palle inattive calciate male e affrontate senza nerbo [...] prende la parola José Mourinho, che dice alla squadra: «Vi farò delle domande sulla partita che abbiamo giocato, ma le risposte le darò io. Se pensate che stia dicendo delle cose sbagliate, alzate la mano e mi dite quello che è il vostro pensiero».
Da quel momento – più o meno come accadde a Mosè sul Monte Sinai – viene consegnato ai giallorossi un decalogo di errori fatti e da non ripetere. Sembra quasi ovvio aggiungere che nessuno abbia preso la parola per obiettare. [...]

Tanti suoi colleghi, in condizioni del genere, lamenterebbero che il loro ascendente sul gruppo è minato proprio dal fatto che l’addio sembra ad un passo, ma José non cerca alibi del genere. Non è un caso che, nella lunga intervista concessa a Sky sulla sua carriera – la cui prima puntata è andata in onda ieri sera – riguardo agli obiettivi che cerca per questa stagione, alzi di nuovo l’asticella [...] «Con la Roma ho vinto una coppa e mezzo – spiega, accennando alla beffa dei rigori e alle polemiche mai sopite sull’arbitraggio –. In giallorosso non sono stato capace di vincere due coppe, ma una ne ho vinta (la Conference League nel 2022) e ho ancora alcuni mesi qui per vincerne un’altra». Proprio vero. Per questo aspettiamoci che l’interrogatorio senza contradditorio – e quindi con chiara manifestazione di telepatia – possa andare in scena anche altre volte, se dovessero giungere nuovi e inaspettati rovesci. Una cosa è certa: Mourinho ha in pugno la Roma, intesa come squadra e come tifoseria. E per chi verrà dopo di lui – seconda Coppa o meno – confrontarsi con il suo spettro non sarà facile.

(Gasport)

Clicky