Estrella comanda l'assalto giallorosso

15/02/2020 alle 10:02.
lp_9845535

IL TEMPO (E. ZOTTI) - Vietato sbagliare. Impegno in trasferta per la Roma Primavera che alle 11 sfida il Bologna al Biavati (diretta Sportitalia e Roma Tv) con l'imperativo di non commettere passi falsi e inanellare la seconda vittoria consecutiva. In caso di successo i giallorossi infatti approfitterebbero dello scontro diretto di domani tra Inter e Juventus, che precedono la Roma - attualmente quinta - in classifica. Per guidare l'attacco De Rossi si affiderà nuovamente a Felipe Estrella, punta centrale protagonista di un'ottima stagione. Il classe 2001 è il secondo miglior marcatore della squadra (dopo Riccardi) con sei reti in campionato e grazie all'impegno e ai risultati positivi ottenuti con la maglia giallorossa si è guadagnato la prima convocazione con la nazionale brasiliana Under 20. A 19 anni l'italo brasiliano ha già le idee chiare, e non ha dubbi sul suo prossimo obiettivo da realizzare: "Il mio sogno a Roma è quello di debuttare nel calcio professionistico e giocare all'Olimpico".
Non ci sarà invece Tall che ha riportato un edema osseo alla tibia destra dopo uno scontro in allenamento: il centravanti dovrà stare fuori per circa tre settimane.
Nonostante il netto vantaggio, De Rossi non sembra dare peso alla classifica e tiene alta la guardia: "Il Bologna ha una squadra di altissimo livello, soprattutto il centrocampo e l'attacco. Hanno tanti giocatori di livello che vanno marcati con attenzione".
Il tecnico non ha parlato invece del possibile nuovo innesto per la sua rosa. Nei giorni scorsi infatti Tiago Cukur, classe 2002 di proprietà dell'Az Alkmaar ha svolto un provino a Trigoria. L'attaccante turco sarebbe entusiasta di trasferirsi a Roma ma la trattativa con il club olandese non sembra destinata a chiudersi in tempi brevi e il futuro del giocatore sarà chiaro soltanto nelle prossime settimane. Chi invece non arriverà a Trigoria è Arabt Noor: il difensore classe 2002 aveva svolto alcuni allenamenti di prova a gennaio, ma dopo non aver trovato l'accordo con la Roma - che proponeva un contratto fino a giugno - ha firmato un contratto di due anni da professionista con il Sassuolo (più sei mesi da "giovane" fino a giugno).