Parma, Bruno Alves: «Contro la Roma dobbiamo credere di poter vincere di nuovo. Zaniolo? Non è facile da sostituire»

16/01/2020 alle 08:40.
parma-cagliari-serie-a

CORSPORT - Parma-Roma è l'ultima partita che chiude questa fase degli ottavi di finale di Coppa Italia. La vincente affronterà mercoledì 22 gennaio alle ore 20.45 la Juventus, reduce dal 4-0 con l'Udinese. Il difensore ducale Bruno Alves, intervistato dal quotidiano sportivo oggi in edicola, tra i tanti temi affrontati si è soffermato anche sulla gara di questa sera e sul suo connazionale Fonseca, allenatore della Roma. Queste le sue parole:

La Roma l’avete già battuta in campionato. E’ possibile ripetere quell'impresa in Coppa Italia?
«Direi di sì. Dobbiamo credere di poter vincere di nuovo. Tutte le partite iniziano sullo 0-0, anche quelle contro le grandi squadre... Abbiamo fiducia in noi stessi e vogliamo dimostrare quanto siamo forti. Acquisire questa convinzione è una tappa fondamentale nel nostro processo di crescita».

Che squadra è la Roma?
«Una delle migliori della Serie A: ha un allenatore portoghese bravo che conosco e grandi giocatori. Noi, però, non dobbiamo focalizzarci sugli avversari, ma su quello che possiamo fare. Contro le big finora abbiamo già dimostrato di potercela giocare».

Ci racconti di Fonseca.
«L’ho sfidato quando era un difensore centrale nell’Estera Amadora, mentre io ero nel Farense. Vincemmo noi 1-0 (il 6 ottobre 2002, ndr) e la cosa curiosa è che in squadra con me c’era Nuno Campos, l’attuale vice di Fonseca. L’ho incrociato anche negli ottavi di ritorno dell’Europa League 2015-16 quando lui allenava il Braga e io giocavo nel Fenerbahce: si è preso la rivincita visto che mi ha eliminato».

Le piace come tecnico?
«Fa parte di una generazione di nuovi allenatori che amano un calcio tecnico e di attacco. E’ arrivato in una nuova realtà come la Serie A, si è adattato in fretta e ha mostrato le sue capacità. Gli auguro di avere successo come sempre nella sua carriera. Meglio se dopo la partita contro di noi in coppa...».

Quanto perde la Roma con l’infortunio di Zaniolo?
«Mi dispiace per lui perché stava mostrando il suo valore. Zaniolo è uno dei migliori giocatori della serie A e sono convinto che tornerà più forte di prima. Davanti a sé ha una grande carriera. Per quel che riguarda la Roma, uno come Zaniolo non è facile da sostituire, ma nella rosa Fonseca ha altri elementi con caratteristiche importanti: vedrete che sapranno sfruttare le opportunità che avranno»