Tifosi dalla parte di Francesco. Ma c'è chi non è dispiaciuto

16/06/2019 alle 08:18.
lp_8866705

IL TEMPO (M. VITELLI) -  La città è divisa. Non equamente, ma comunque divisa. La notizia della conferenza stampa che terrà domani ha fatto tremare l'urbe, con reazioni diverse, contrastanti, figlie del dolore, della rabbia. Ma anche meno emotive, diverse. Ed è il termometro dei social network a misurare l'improvvisa febbre che ha colpito i tifosi romanisti e non solo. Già, perché anche chi non ha il cuore giallorosso sta comunque vivendo questo passaggio epocale per la storia della AS Roma cercando di capirne i motivi. Sul web sono in moltissimi a schierarsi contro la presidenza americana. «Far finire la carriera a , cacciare , cacciare . Questo è il triplete di ». E ancora. « se n'è andato, se ne va, Baldini ancora gira intorno alla Roma. vuole la buonuscita, Petrachi ancora non si libera, al per Mario Rui, Preliminare di Euro-pa League. Sparatemi».

Ma c'è anche chi non si schiera dalla parte dell'ex-capitano. «Quanti altri addii di dobbiamo sorbirci?», scrive una donna su . Qualcuno gioca d'ironia, come un utente che si firma con un nickname. «Adesso a , poveraccio, senza più un lavoro nella Roma je darà un lavoro Malagò. Meno male perché m'ha detto mio cugino che er reddito de cittadinanza non lo poteva pijà perché c'ha una macchina de proprietà». Un tifoso analizza a modo suo la situazione. «Ci sono tanti motivi per criticare la società e questa dirigenza, soprattutto negli ultimi mesi. Ma la vicenda di non rientra tra questi. Francè, l'amore per te resterà sempre e per sempre. Detto ciò, fai come ti pare, noi restiamo qui a tifare la Roma nostra». Un altro supporter giallorosso si regala un amarcord. «Davvero incredibile, mandato via il giorno dell'anniversario dello scudetto. Non ci posso credere». Altri cercano di scherzarci su come un ragazzo che su scrive: «Giusto mandarlo via, non sa l'inglese, come fa a fare il direttore tecnico?». Un altro cerca invece di analizzare la situazione con pragmatismo. «Un rinnovo a 37 anni, un rinnovo a 40, un contratto da dirigente e una promozione a direttore tecnico. Cos'altro vuole? Sarò impopolare ma non capisco». Una tifosa prova a fare un paragone tra la situazione di e quella di . «Se Daniele dice che non vuole restare a fare il dirigente perché non conterebbe nulla va bene, se Francesco chiede tempo perché evidentemente ha capito che ciò che ha detto Daniele è vero invece è un ignorante. Fate pace col cervello». Per nulla criptico, come ci ha abituato, Vittorio Feltri. «Mandare via dalla Roma è come cacciare di casa il padre. Vergogna». Ora non resta che attendere poche ore per sapere dalla bocca di i motivi di quella che sarà la sua decisione e cercare di capire come e perché ci sia arrivato. Qualunque cosa dirà, comunque, difficilmente farà cambiare idea a chi già ha deciso da che parte stare.