Manolas: futuro legato all'Europa. E la Roma pensa al Todibo

26/03/2019 alle 07:41.
as-roma-sessione-di-allenamento-93

«A Roma sto bene, mi piace la mia vita lì. Ed è una vita molto semplice, trascorro gran parte del tempo libero a casa, insieme con la mia famiglia». Dolci parole quelle rilasciate da , che ieri hanno iniziato a suonare molto bene nelle orecchie di molti tifosi giallorossi. Già, anche perché la paura di tanti nella Capitale è che questi possano essere gli ultimi mesi del difensore greco in giallorosso. Lui che, e a parte, ad oggi è il giocatore romanista più longevo, essendo arrivato nel 2014 per sostituire (ceduto al Bayern Monaco). A cinque anni dal suo sbarco, il prosieguo dell’avventura nella Roma dipenderà molto dall’esito finale della stagione giallorossa. Con la potrebbe restare. Senza è uno dei principali indiziati a partire. (...) Ecco anche perché a Trigoria stanno cercando di sondare il mercato dei difensori centrali. Con qualche contatto e molte idee. Così ieri ha perso punti strada facendo quella che portava al brasiliano Matheus Guedes (19enne del Santos, con il contratto in scadenza), mentre ha preso quota la candidatura di Jean-Clair Todibo, il giovane francese arrivato al a gennaio dal Tolosa, ma che finora con i catalani non è ancora mai sceso in campo. Diciannove anni anche per lui, ha un costo accessibile (circa dieci milioni), è forte di testa (qualità che sfrutta anche nelle proiezioni offensive) e all’occorrenza può giocare anche da mediano. (...) Di certo c’è che Kostas a Roma sta bene, Monchi lo considerava uno dei primi 5 al mondo nel suo ruolo. E anche Massara lo apprezza tanto. «Ma io devo restare sempre con i piedi per terra e ricordarmi da dove sono partito – continua il difensore greco –. Il calcio e la vita non ti regalano niente, devi lottare sempre per raggiungere gli obiettivi». (...)

(gasport)