Mercato, via alle occasioni

03/01/2019 alle 07:06.
calciomercato

IL MESSAGGERO (E. TROTTA) - Il countdown è terminato: da oggi fino al 31 gennaio (ore 20) sarà aperta la cosiddetta fiera dei sogni, che vanta un ricco assortimento al reparto occasioni. Un calciomercato quindi di opportunità e necessità, ma anche di pianificazione in entrata e in uscita. Sì, perché le scadenze dei bilanci obbligano le società a ragionare già sulle possibili cessioni estive, per coprire gli impegni presi lo scorso anno. E per valutare eventuali acquisti azzardati in queste settimane. Ma non sarà il caso del Milan: il richiamo della Uefa per l'ingaggio di Paquetá pesa come un macigno, dunque Leonardo si concentrerà solo sui prestiti e sugli affari low cost. Due le priorità dei rossoneri: un centrocampista e un attaccante multiuso. Il sogno Fabregas è durato poco, lo spagnolo preferisce la ricca offerta del suo ex compagno Henry, ora tecnico del Monaco. Contestualmente, è partito il piano B per il reparto offensivo.

RITORNO - Muriel, stimato da Gattuso, ha rispettato la sua parola e ieri sera è sbarcato a Firenze. Oggi sosterrà le visite mediche: arriva con la formula del prestito e diritto di riscatto a circa 14-15 milioni. I viola avevano l'urgenza di inserire un attaccante duttile, uno in grado di migliorare la fin qui deludente media realizzativa di Simeone e Chiesa. E l'ex Siviglia, più dell'altro nostalgico Gabbiadini, corrisponde all'identikit tracciato dai viola. Ora la punta del Southampton continua a dialogare con il Milan. Ma anche su questo fronte i meneghini non possono permettersi di sottovalutare la concorrenza del Betis Siviglia e degli altri club stranieri. In mezzo al campo i riflettori rossoneri restano puntati invece su Sensi e Duncan. Ancora più scatenato il Bologna. Bloccati Soriano e Sansone (che sono già in città), non vengono persi di vista Spinazzola e Kean. L'esterno è anche nei radar del Genoa, in pressing su Sturaro e Barreca. Sempre in tema ritorni, la Spal accoglierà Viviano.

SFIDE - Intanto si sono infiammate una serie di sfide, con vista futuro. Inter e Roma duellano per il giovane difensore turco Kabak, sempre i nerazzurri provano a sorpassare la Juventus, ancora in vantaggio, per Todibo. Il derby d'Italia si è rinnovato poi per l'attaccante portoghese Trincao (ieri contatto Paratici-Mendes). La Vecchia Signora rimane la più vicina a Ramsey: le concorrenti Psg e Bayern non hanno ancora rilanciato. A proposito di calciomercato tedesco, il Borussia Dortmund ha ufficializzato la cessione per giugno di Pulisic (64 milioni) al Chelsea.

TUTTI IN DIFESA - La finestra di gennaio si conferma così l'occasione per impostare i programmi estivi. Detto del Napoli su Kouamé (nel mirino anche di Milan e Roma), le big europee sonderanno ancora i difensori italiani' più ambiti: Manolas, Koulibaly, Skriniar e Benatia. Quest'ultimo, in realtà, vorrebbe partire già a gennaio. Non si placano i suoi mal di pancia', ma la Juventus ha già rimandato le offerte tedesche, inglesi e dell'Olympique Marsiglia. Lo United continua invece ad inviare mail d'amore al senegalese del Napoli, per il quale è disposto a spendere sui 100 milioni. Valutazione alta pure per Skriniar, sempre più in bilico dopo il mancato accordo sul rinnovo. Uno tra lui, Perisic e Icardi (che però vorrebbe rimanere, prolungamento permettendo) è destinato a lasciare la Pinetina la prossima estate.