Riforma coppe europee, il piano delle Leghe: difendere i campionati, aumentare la partecipazione e distribuzione finanziaria equa

06/09/2019 alle 18:49.
uefa-logo

Proteggere i campionati nazionali, aumentare la partecipazione e rendere la distribuzione finanziaria più equa. Sono i tre punti chiave per la riforma delle competizioni europee per club post 2024 individuati dalla European Leagues, che intende «iniziare una nuova era di cooperazione con la Uefa», con cui negli ultimi mesi non sono mancate diversità di vedute.

Come si legge in una nota dell'associazione che rappresenta 36 leghe, l'obiettivo è «trovare un accordo con i diversi portatori di interesse del calcio sul format, l'accesso, la distribuzione finanziaria, la solidarietà, il calendario e il sistema di coefficienti di club che sono i principali elementi che definiscono le competizioni europee per club.». A sostegno della sua campagna, l'European Leagues ha lanciato anche un sito, supportyourleague.com, con una serie di analisi. «Stiamo presentando queste informazioni nel tentativo di fornire un contesto e spostare il dibattito sulla riforma in una fase più collaborativa e inclusiva», afferma Alberto Colombo, vice segretario generale dell'European Leagues e coordinatore della campagna.