Serie A, Xi Jinping in Italia: ipotesi di accordo per una gara di campionato in Cina. Ma Gravina frena: "No, si gioca in Italia"

22/03/2019 alle 21:09.
logo-serie-a-2018

Dalla Supercoppa in Arabia Saudita a una gara del campionato di Serie A in Cina. E' questa, secondo il Financial Times, l'ipotesi che si sta facendo strada e che potrebbe diventare concreta in questi giorni, in occasione della visita del presidente della Repubblica Popolare Cinese, Xi Jinping, in Italia.

Secondo il giornale americano, Lega A e Federcalcio sono in trattativa con i dirigenti del China Media Group per esportare una partita del nostro campionato in Cina per i prossimi tre anni. I responsabili dell'emittente cinese fanno parte della delegazione sbarcata ieri a Roma. C'e' grande interesse da parte della Cina nei confronti del mondo del calcio e grande ammirazione per la realta' italiana come dimostrano gli ingaggi di calciatori (Pele' ed Eder gli ultimi) e tecnici italiani, su tutti l'ex ct cinese Marcello Lippi (ora consulente), adesso sostituito da Fabio Cannavaro che allena anche il Guangzhou Evergrande.


RAI SPORT - "La Serie A in Cina? No il campionato si gioca in Italia, per questo si chiama italiano". Così il presidente della Figc, Gabriele Gravina, chiude all'idea - nata in ambienti della Lega di A - di far disputare una partita del massimo campionato in Cina nell'ambito dell'accordo che sarà discusso domenica. "E' un progetto ampio, noi vogliamo andare in Cina e loro venire da noi - ha aggiunto Gravina - l'accordo riguarda la competizione e la preparazione".