Lazio, lo sfogo di Diaconale: "Nessun complotto per favorirci. Guerra psicologica in atto da parte dei soliti gufi"

30/06/2020 alle 13:09.
img_9068

Dopo l'ennesimo rigore concesso alla Lazio nella gara contro la - scaturito da una simulazione di Caicedo non notata dal direttore di gara - molti tifosi da ogni parte d'Italia sono insorti protestando contro un penalty quantomeno generoso. Il portavoce del club, Arturo Diaconale, però non ci sta e si rivolge a tutto il mondo biancoceleste, esortando i tifosi laziali a non cadere nelle provocazioni: "Voglio inviare una raccomandazione ai tifosi deboli di fede. Non ascoltate le voci dei gufi, che stanno sugli alberi con gli occhi rivolti sempre a terra alla ricerca dei sorci di cui sono ghiotti e non guardano mai per aria senza rendersi conto che le aquile volano sempre in alto nel cielo e non hanno alcuna intenzione di scendere. A loro, poi, la seconda preghiera di non badare alle strampalate teorie di chi ipotizza un complotto in atto per favorire la Lazio e tenere ancora aperto il campionato. Si tratta di balle che per un verso dimostrano quanta paura possa incutere una squadra come quella biancoceleste ed un presidente a cui, benché oggetto di continue campagne di denigrazione, vengono attribuiti poteri incredibili ed una ciclopica capacità di manovra. Per l’altro rappresentano una sorta di rito esorcizzante ed un tentativo di guerra psicologica al fine di creare ostacoli alla rincorsa della Lazio sulla che poggia sulla volontà dei nostri ragazzi ed il cuore dei nostri tifosi”.