Besiktas, febbre alta per Ljajić e il club lo mette in quarantena. Il serbo smentisce: "Non ho il Coronavirus"

21/02/2020 alle 21:14.
ljajic-besiktas

Febbre alta, tonsillite e tanta spossatezza. Sono i sintomi che ha avvertito nei giorni scorsi l'attaccante del Besiktas Adem Ljajić il quale, dopo essere rimasto sotto osservazione presso l'ospedale Acıbadem, sta continuando a prendere gli antibiotici. Sintomi quelli manifestati dall'ex giocatore della Roma che sono simili a quelli del Coronavirus ed è per questo che il club turco ha deciso di metterlo in quarantena e lasciarlo quindi ai margini della squadra fino a quando le sue condizioni non saranno migliorate.

(fotomac.com)

VAI ALLA NEWS ORIGINALE


Nessun contagio da Coronavirus per Adem Ljajić che tramite il proprio profilo ha voluto smentire l'indiscrezione secondo la quale fosse stato messo in quarantena dal Besiktas per evitare il contatto con i propri compagni di squadra. "La notizia, che rivela sia stato contagiato dal Coronavirus, che viene raccontata dalla stampa, non riflette la verità" è il tweet pubblicato dal classe 1991 serbo.

 


A smentire la notizia anche lo stesso Besiktas che tramite un comunicato chiarisce:

"A seguito degli esami effettuati presso l’ospedale Acıbadem Fulya, al nostro calciatore Adem è stata diagnosticata una tonsillite criptica (infezione delle tonsille con febbre alta) e quindi il trattamento del nostro calciatore è stato completato. La situazione di , che ha iniziato gli esami individuali oggi, è ora stabile".

(bjk.com.tr)

VAI AL COMUNICATO ORIGINALE