La storia di Andres: 13mila km per vedere la Roma.. e compiere un sogno

22/11/2019 alle 19:05.
b08fded1-cad0-4001-b2a3-80012f6749c7

Il terzo viaggio a Roma. Ci ero già stato nel 2004 per vedere Roma-Udinese e il 2016 per la partita di Champions League Roma-Real Madrid (purtroppo lo score non è stato dei più felici: un pareggio e una sconfitta).
Ho organizzato il viaggio in pochissimo tempo: mi si è presentata l'occasione di partire e non ci ho pensato su due volte. In questa occasione la mia idea era di andare a Roma ovviamente per vedere calcio ma anche per fare un tour per la città alla ricerca di tutto quello che fosse romanista e tutto quello che riguardasse il mito: Francesco Totti.

Il mio viaggio è iniziato da Santiago del Cile il 31 ottobre: da lì a Roma e poi a Milano: l'obiettivo era vedere il math della Primavera Inter-Roma. Purtroppo per un ritardo aereo non sono riuscito nell'impresa. Quindi sono ripartito la notte del primo alla volta della capitale dove è iniziato il tour. Sono arrivato all'hotel a Trastevere e da lì sono andato a trovare un amico rumeno per un gruppo su whatsapp di romanisti di lingua spagnola. Era il giorno di Roma-Napoli e già avevo provveduto ad acquistare un biglietto per la gloriosa Curva Sud: ascoltare per la terza volta l'inno di Roma è qualcosa di eccitante, che ogni romanista deve vivere almeno una volta. E' una sensazione incredibile. (...)

(estoesfutbol.it)

VAI ALL’ARTICOLO INTEGRALE