Figc, Tavecchio: "Sciacallaggio senza limiti. Non ho scelto Ventura, pago un insuccesso sportivo. Lotito? Una persona per bene"

20/11/2017 alle 14:24.
assemblea-elettiva-federcalcio

Carlo Tavecchio interviene in conferenza stampa dopo il Consigio Federale in cui ha rassegnato le dimissioni: "Ho rassegnato le dimissioni e come mero atto politico ho chiesto anche quelle del Consiglio Federale. Nessuno le ha rassegnate. Credo che siamo arrivati ad un punto di speculazione che ha raggiunto limiti impossibili. Il quadro politico stamattina non era cambiata. La Lega Pro non è mai stata nella maggioranza. Mi era stato addirittura inviato un documento programmatico, che avevo interpretato come un fatto positivo, come se ci fosse la volontà di costruire qualcosa per questo sistema sportivo, che si permette di prendere decisioni gravi quando il soggetto più importante è assente. Quando la Serie A e la Serie B non ci sono, le leghe eleggeranno i presenti a fine mese. Sono stato portato ad accettare il commissariamento della Lega di A per un fatto di assoluta indipendenza dalla Figc, non facevo il presidente per interessi personali".

"Stiamo valutando un insuccesso sportivo - prosegue Tavecchio - . Ieri sera Malagò ha detto che il ct l’ha scelto Lippi. Io non l’ho mai detto, ho sempre detto che l’ho scelto io. Ora sapete il contrario… Pago per aver scelto Ventura? Bene. Abbiamo perso un Mondiale e sono disperato per questo, come uomo prima che come presidente. Le riforme vanno fatte a livello generale, ditemi i risultati delle altre federazioni. Dicono che sono stanco, ho solo un interesse: portare a termine questi 90 giorni, Malagò ha detto che non ci sono i motivi per il commissariamento. Abbiamo deciso tutto senza la Serie A, i 140 milioni che incasseranno saranno decisi da terzi. Chiedevo di spostare l'attenzione di 10 giorni, il problema evidentemente era far concludere quest'apocalisse. Giocheremo le prime partite della nazionale a marzo, ma serviva un grande conduttore prima... Non potevamo invece tenere i nostri tecnici per due amichevoli? Avete bisogno di scrivere pagine? Ho parlato con 4-5 grandi allenatori, sono tutti impegnati. Potranno dire la loro tra tanto. E non vengono qui per colpa mia come è stato detto in questi giorni, è una falsità e una menzogna, ho parlato con tutti".

"Abbiamo attivato i centri federali territoriali, la riforma dei campionati giovanili, sviluppato il calcio giovanile, abbiamo un'equilibrio di bilancio che fa invidia a chi è quotato in Borsa - continua -, dico grazie a chi ha collaborato, è gente di valore. Poi ci sono le 4 italiane in , la ristrutturazione di Coverciano, l'introduzione della Var. Sono stato il primo a scrivere a Blatter, nel 2014, per chiedere la tecnologia in campo. Sono arrivato secondo solo a Biscardi, gli altri erano da un'altra parte... E poi i risultati delle nazionali giovanili?. Se avessimo fatto gol con la Svezia, sarei diventato un grande, resto invece alto 1 metro e 61... Il calcio mi ha dato molto, la mia squadra molto di più", conclude Tavecchio.

"Malagò vuole il commissariamento? E' molto grave, ci sono gli statuti e le garanzie di legge - prosegue Tavecchio, rispondendo alle domande dei cronisti - Ventura? Era in lista con altri 2 tecnici, lo ha scelto Lippi e tutti abbiamo preso quella strada. Lotito? E' ingombrante di statura, ma è una persona per bene. Le mie colpe? Non essere intervenuto nell'intervallo della partita di Milano per cambiare l'allenatore.... L'Italia meritava di andare ai Mondiali, ma non so tirare, sui cross ci arrivo a malapena e dal dischetto non sono capace... Qualcuno dovrà spiegare alla Lega Serie A e alla Lega B perché non sono state aspettate. Non certo io. L'affronto più grande al Consiglio Federale è stato quello di escludere l'attore più importante. Sono state fatte pressioni sulla Lega Dilettanti, non dico da chi".

«». È la risposta provocatoria del dimissionario presidente della Figc, Carlo Tavecchio, parlando della sfida di ritorno del playoff con la Svezia per andare al Mondiale si Russia 2018, a gli chiedeva quali colpe si sentisse di prendersi. «L'Italia meritava il mondiale, io ce l'ho messa tutta ma non so tirare i rigori». Il presidente federale parla poi delle componendi di Lega di Serie A e B. «