LA SFIDA NELLA SFIDA: Cristante vs Pasalic

27/08/2018 alle 14:25.
2018-26-08-12-09-22

LAROMA24.IT (Federico Leoni) - Motori inesauribili in mezzo al campo. Qualità, tecnica, inserimenti ma anche tanta sostanza. La sfida di lunedì sera tra Roma e Atalanta si gioca soprattutto sulla linea mediana. È la sfida tra due centrocampisti tanto simili quanto diversi. Parliamo del romanista Bryan Cristante e dell'atalantino Mario Pasalic, chiamato dalla Dea proprio per non far rimpiangere l'attuale numero 4 giallorosso.

L'ORA DEL 4 - L'acquisto di Cristante, da parte della Roma, va annoverato sicuramente come uno dei più importanti dell'estate. Non tanto per il prezzo, 30 milioni, quanto per l'eredità che ha dovuto a raccogliere, quella di , senza contare il numero di maglia, quel 4 che per anni ha fatto sognare i tifosi giallorossi. Parliamo chiaramente di due giocatori diversi, ma nello scacchiere di , se andiamo a vedere, puo' essere lui quel centrocampista tuttofare che tanto serve alla Roma. Dopo un'estate culminata con il gol in ICC niente di meno che al , alla prima contro il Torino si è accomodato in panchina. Il suo momento è scoccato all'ora di gioco, per il primo cambio del match. Non ha impiegato molto ad entrare in partita, facendo una buona impressione soprattutto dal punto di vista della personalità. Gli inserimenti e gli automatismi verranno con il tempo. Ora contro l'Atalanta, strano caso del destino, potrebbe arrivare la sua ora. L'ora del nuovo 4 giallorosso, pronto a dimenticare il recente passato per immergersi in un futuro raggiante a tinte giallorosse.

IL DOPO BRYAN - Quando l'Atalanta si muove per un calciatore non lo fa mai per caso, vista l'ingente quantità di talenti scoperti dalla società di Percassi in questi anni. Dopo aver perso il miglior centrocampista italiano della passata stagione, la scelta degli orobici è stata semplice e immediata: puntare tutto su Mario Pasalic. Talento in patria con l'Haijduk Spalato, il Chelsea ci punta ma lo manda a giocare, prima in Spagna poi al Monaco. È qui che si consacra, meritando la chiamata del Milan. In rossonero si vede poco, e decide di provare l'esperienza russa. Il tempo di un gol con lo Spartak, perchè a giugno c'è la chiamata della Dea. Negli schemi di Gasperini è il sostituto naturale di Cristante, un centrocampista completo pronto ad agire a ridosso delle punte. E l'effetto Gasp ha già dato i propri frutti, con il croato subito in gol all'esordio con il . Ora c'è la Roma e Bryan Cristante, in un simpatico scontro tra passato e futuro.