LA SFIDA NELLA SFIDA: Pellegrini vs Mandragora

24/10/2017 alle 19:42.
sfida1

LAROMA24.IT - "Dobbiamo avere continuità di risultati". Parola di . Ecco perché la Roma, dopo il successo esterno di domenica scorsa contro il Torino, è chiamata alla conferma in casa contro il Crotone, nel turno infrasettimanale valevole per la 10a giornata di campionato.
La sfida tra giallorossi e calabresi metterà di fronte anche due dei talenti emergenti del nostro calcio: Lorenzo Pellegrini e Rolando Mandragora.

GIÀ PRONTO - Il romanista, classe '96, non ha bisogno di presentazioni, il suo curriculum è già ricco e promette un futuro da assoluto protagonista. Dall'esordio in serie A nel 2015 a 18 anni con la Roma a oggi, Pellegrini ha collezionato ben 54 presenze nella massima serie frutto di due stagioni in prestito al che lo hanno fatto crescere tatticamente e caratterialmente sotto la guida di : capacità di impostazione e interdizione le ha sempre avute, ma con il tecnico abruzzese ha aggiunto tempi d'inserimento, buona visione di gioco e tiro dalla distanza che lo hanno reso tra i più forti centrocampisti italiani nel nostro campionato.

FRENATO - Mandragora, invece, di un anno più piccolo rispetto al 'collega', sta iniziando solamente in questa stagione ad affermarsi a buon livello. L'esordio a 17 anni e 4 mesi con la maglia del lo ha subito messo sotto i riflettori e la qualità del suo mancino non è passata inosservata, ma il grande salto è tardato ad arrivare. La stagione '15-'16 in prestito al in serie B ne ha affinato le caratteristiche tecnico-tattiche tanto che la ha deciso di investire 6 milioni di euro per appropriarsi del suo cartellino. Il 30 aprile 2016 peró, la frattura del quinto metatarso del piede destro complica la crescita del napoletano che è costretto a tornare sotto i ferri ancora, 4 mesi più tardi, sempre per lo stesso problema. Tornerà in campo solamente il 23 marzo 2017 con l'Under-21 a quasi 1 anno dalla sua ultima presenza ufficiale.

NAZIONALE - È proprio la Nazionale ad accomunare Pellegrini e Mandragora. Dall'Under 19 fino all'Under 21 hanno condiviso il percorso con la maglia azzurra fino ad arrivare all'europeo di categoria dell'estate scorsa a cui il napoletano non ha potuto prendere parte per problemi fisici e dove invece il romano ha confermato tutte le voci sul suo conto convincendo Ventura a convocarlo anche nella Nazionale maggiore, con la quale, scongiuri a parte, dovrebbe disputare il Mondiale 2018 in Russia. Per Mandragora la Nazionale A è ancora lontana ma oggi si gode la fascia di capitano degli azzurrini di Gigi Di Biagio.