LA SFIDA NELLA SFIDA: Strootman vs Cataldi

19/09/2017 alle 18:58.
strootman-cataldi-sfida

LAROMA24.IT (Matteo Salvitti) – Se per Roma e Benevento mercoledì sarà il primo scontro in assoluto in Serie A, non si potrà dire lo stesso per e Danilo Cataldi, che si ritroveranno ancora una volta l’uno davanti l’altro, dopo quel famoso episodio che li vide protagonisti nella stracittadina del 4 dicembre 2016, vinta dai giallorossi per 2-0 (seguita dalla , poi cancellata, tra le tante polemiche).

IL GIALLO E IL ROSSO – In quel derby la Roma passò in vantaggio proprio grazie alla rete di che dopo l’esultanza sotto la sud, passando davanti la panchina laziale, gettò un po’ d’acqua verso Cataldi: la reazione del giovane centrocampista biancoceleste, che mise le mani al collo dell’olandese tirandolo giù a terra, lo costrinse a vedere il rosso ancor prima di calpestare il verde dell’Olimpico. In quell’episodio, Cataldi si eresse a difensore dell’orgoglio laziale, ferito dalla rete e dallo “sbeffeggio" del centrocampista della Roma. Un gesto istintivo, da tifoso, così come istintiva fu quell’esultanza nemmeno sei mesi dopo, con indosso la maglia del , al gol di Pandev contro la “sua” Lazio e i “suoi” tifosi, dai quali verrà subito dopo scaricato per "alto tradimento". Due storie diverse quelle di Cataldi e , due storie che si sono, per ironia della sorte nel caso dell’ex laziale, colorate entrambe di giallorosso: per necessità quella del primo, per amore della Roma quella dell’olandese.

PERCORSI DIVERSI - Storie diverse appunto, contraddistinte da percorsi diversi, in nazionale, come nei club per i quali hanno giocato. , è cresciuto nelle giovanili dello Sparta Rotterdam, esordendo in Eredivisie a 17 anni, per passare poi al PSV, dopo una parentesi all’Utrecht. Con la squadra di Eindhoven ha collezionato 62 presenze e 8 reti: divenuto un punto cardine nell’undici titolare, guadagna posizioni con la nazionale maggiore, dove esordisce a 18 anni, tanto da arrivare ad indossare talvolta la fascia di capitano. L’approdo infine alla Roma, dove, nonostante i numerosi infortuni, diventa una pedina inamovibile del centrocampo giallorosso, guadagnandosi la fiducia prima di , poi di  e ora di . Sorte diversa quella di Cataldi invece, che, cresciuto nelle giovanili della Lazio, dopo il prestito in Serie B al Crotone, fa il suo esordio nel campionato maggiore a 20 anni e nello stesso anno registra la prima presenza con l'Under 21, in attesa ancora oggi di quella con la nazionale maggiore. Gli infortuni e le prestazioni poco convincenti, non lo fanno rientrare nei piani di Simone Inzaghi e lo allontanano dalla Capitale, per andare in prestito prima al e poi al Benevento, con il quale domani riaffronterà proprio la Roma e , che sul campo però, non è ancora riuscito a stendere (calcisticamente).