SEMAFORO ROMA - VERDE: l'unghia di Osvaldo, i portieri, De Rossi - GIALLO: Burdisso e Castan - ROSSO: Lamela e Balzaretti

04/05/2013 alle 20:03.

Nuovo appuntamento con Semaforo Roma, miniguida alla stagione giallorossa che per ogni partita del campionato analizzerà pregi e difetti che si sono manifestati prima, durante e dopo le imprese dei giallorossi. Il tutto ispirato all'articolo 41 del Codice della Strada, o più semplicemente al semaforo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

















VERDE:

- "Per vincere queste partite serve un po' tutto", ha detto a caldo . Servono la fortuna, le parate dei portieri e magari anche un arbitro indulgente. Ma non potendo sperare anche nell'autorete, l'unghiata vincente per vincere devi assestarla tu.

- E serviva dunque un Osvaldo ancora decisivo (16 reti) stavolta dopo il novantesimo, con una torsione vincente che lo spedisce dritto dritto sotto il settore dei tifosi giallorossi festanti.

- Servivano prima e Goicoechea poi. Due interventi salva risultato che poco fanno rimpiangere Stekelenburg.

- Serviva pure un che rischia un mani gratuito da "linciaggio" e il conseguente penalty che avrebbe macchiato una prestazione positiva in cui ha confermato i suoi progressi. Tardivi? Forse, ma maledettamente utili alla squadra.

 



 









 





GIALLO:

- Burdisso- a fasi alterne. Determinanti con alcuni salvataggi provvidenziali nel primo tempo, in grande affanno nella ripresa.





 

 

 









 

 

 

ROSSO:

- Lamela parte bene e finisce male, parte male e finisce peggio. Balzaretti fa tutto uguale a sempre ed è giá un miracolo che finisca...Ma il tepore amico della serata permette di non calcare eccessivamente la mano.