ROMA-LAZIO: le pagelle. PELLEGRINI: "Pellegrinta" 7,5 - KOLAROV "Punizione divina" 7

29/09/2018 alle 17:32.
roma-lazio-13

LAROMA24.IT (Mirko Bussi) - Ricomincio da 3. A uno. Si parte, finalmente. Con la benzina del derby s'accende il motore della Roma che passa sopra la Lazio e lascia intendere che, nonostante tutto, potrà partecipare al campionato. Kolarov è la punizione divina di giornata, Pellegrini diventa "Pellegrinta" e Davide si traveste da Golia Santon.

OLSEN 6 - Pare cominciare ad arredare l'area con mobili Ikea, tanto da farla sembrare sempre più di sua appartenenza.

SANTON 7 - Davide, in teoria, Golia in pratica. S'ingigantisce minuto dopo minuto fino a dar prova di essere un calciatore ancora in attività. Alla ricerca del tempo perduto.

6,5 - C'è Immobile in pista e allora inforca il casco duellando ad alta velocità col pilota avversario che ogni volta trova le sirene della guardia greca a farlo accostare verso l'esterno.

6,5 - Lo scarpino rosato non s'abbina col personaggio che, di colpo, si squassa in un controllo che diventa l'1-1. Guadagna unanime perdono con la testata che scrive il 3-1 definitivo e lascia le cose nel proprio ordine naturale.

KOLAROV 7 - Punitivo. Usa il piede sinistro come un martello del giudice: sentenzia Strakosha e il derby andando a mostrarsi di roboante giallorosso sotto la tribuna. Punizione divina.

6,5 - Sistema immunitario romanista. L'anticorpo all'allungamento della squadra, protegge e ricuce dove necessario. DAL 74' CRISTANTE SV - Si faccia passare gli appunti da Lorenzo Pellegrini.

NZONZI 6 - Rimane in gabbia, facendo da intralcio agli avversari più per la stazza che per altro.

7 - Estro e ragione possono fondersi a tal punto da dar vita ad un esterno alto che lavora da mediano e colpisce da ala tecnica. Sintesi proteica. DAL 83' JESUS SV - Porta ulteriore calcestruzzo.

PASTORE 6 - Finché polpaccio non brucia, tratta con cura i palloni che gli circolano intorno. DAL 36' PELLEGRINI 7,5 - Infuoca, finalmente, quelle qualità tecniche e dinamiche già mostrate in confezione. Strappa e recupera, corre e rincorre, accende i momenti determinanti usando il tacco, guadagnando la punizione del 2-1 e calciando su misura quella del 3-1. Pellegrin...ta.

6,5 - Alterna le personali trottole offensive a ripiegamenti necessari per la sopravvivenza dell'intero ecosistema. Alimenta la confusione che produrrà il tacco di Pellegrini.

6 - Vive di sbalzi d'umore, qui trascina e là si piomba depresso. Lunatico.

DI FRANCESCO 6,5 - Ritrova di colpo una luce, il cambio di modulo più che per aspetti tattici è servito a risvegliare le coscienze. 4-2-3-unico. Come il corpo che dovrà diventare, sempre più, questa squadra, già costretta a rimediare ai propri errori. Perché qui si parte, non si arriva.

@MirkoBussi