CASANO: "Di Francesco alla frutta" - NISII: "7-1 onta incancellabile"

02/02/2019 alle 17:09.
massimo-ascolto-new

Lo scoglio da superare ora è il Milan, ma intorno alla Roma la tempesta non si è ancora placata dopo l'umiliante uscita di scena dalla Coppa Italia. E si va avanti con . "Decisione giusta" per Fernando Orsi, più dubbi da parte di Alessandro Austini: "Scelta coraggiosa da parte di Monchi, ma si rischia il suicidio sportivo 'a braccetto'". E Furio Focolari se la prende con il ds: "E' inadatto al calcio italiano. Ma il problema è che chi fa certe scelte non paga mai..."

_____

Questo e tanto altro in "Massimo Ascolto", rubrica de LAROMA24.IT, curata dalla redazione. Una passeggiata tra i più importanti programmi radiofonici della Capitale. Buona lettura.

_____

Questo è il momento del silenzio. Bisogna tirare le somme e trovare qualche responsabile. Il mister sa come funziona e sa che in questo momento c’è tanta delusione. Può essere che l’allenatore non abbia la percezione che la squadra non lo segua. Quanto visto da Monchi è allucinante. Io passerei da domani al 3-5-2 con e Schick davanti (FABIO PETRUZZICentro Suono Sport, 101.5, 1927 - La storia continua...)

Se non si vuole dimettere allora crede di non avere le maggiori responsabilità. L’impressione è quella che si faccia finta di non comprendere la portata storica di questa sconfitta. Contro la sono emersi tutti i limiti della squadra e dell’allenatore. Mi aspetto un con in mediana o un ritorno al con esterno alto (LUIGI ESPOSITOCentro Suono Sport, 101.5, 1927 - La storia continua...)

Se dopo un 7-1 a Firenze, l’allenatore della Roma a mente fredda si presenta in conferenza e parla di ambiente "pessimistico orientato", siamo giunti veramente alla frutta. Fatico a comprendere in quale direzione si voglia andare. A Trigoria questa settimana ha prevalso la filosofia del tutto scorre senza che ci siano stati sussulti, decisioni, prese di coscienza reali. ? Ingeneroso dopo 98 giorni farlo passare come il salvatore della patria (CHECCO ODDO CASANOCentro Suono Sport, 101.5, 1927 - La storia continua...)

Se la Roma non perde contro il Milan e fa il suo contro Chievo, e , arriva al derby da quarta. Pastore al momento sembra un ex atleta. Il 7-1 contro la è un'onta incancellabile (FEDERICO NISIITele Radio Stereo, 92.7)

I giocatori della Roma comunicano poco in campo tra loro, ma è fondamentale per aiutarsi (MARCO CASSETTITele Radio Stereo, 92.7)


Visto che non si è presa nessuna iniziativa dopo una tragedia sportiva di tali proporzioni, avrei voluto vedere in conferenza Monchi e un dirigente ad accompagnare . E’ l’atteggiamento generale che stona: dopo un 7-1 non ci si presenta così, come se non fosse successo nulla. Solo se vinci la si cancella una vergogna del genere, non esiste altro risultato. Continuo a vedere atteggiamenti del tutto inadeguati (ANTONIO FELICI, Centro Suono Sport, 101.5, Te la do io Tokyo)

Quando parla di pessimismo… Ma cosa è cambiato da dopo e Plzen? Ma dobbiamo risentire le banalità di Monchi? Nemmeno basterebbe, non ha cariche, per me è solo un tifoso. Dopo un 7-1 è che deve parlare! Monchi ha parlato fin troppo, non lo voglio più sentire fino a giugno… La differenza mentale con il Milan è troppa: qui c’è una squadra che sta sul lettino dello psichiatra e un’altra che è in forma. Con tutte queste premesse non riesco a vedere un lato positivo (FRANCESCO BALZANI, Centro Suono Sport, 101.5, Te la do io Tokyo)

La presenza di domani? Non carichiamolo di eccessiva responsabilità, non gioca da 3 mesi. Questa squadra non è un gruppo, ma tanti sottogruppi (STEFANO CARINA, Radio Radio, 104.5, Radio Radio Lo Sport)

Anche se arrivi quarto è una stagione fallimentare. E’ una crepa per i tifosi della Roma, ve ne rendete conto? O vogliamo continuare a toglierci i sassolini dalla scarpa in conferenza stampa? Se i giocatori non sono dalla parte di non ce ne frega nulla! Non devono prendere 7 gol! (GUGLIEMO TIMPANO, Tele Radio Stereo, 92.7)

Mi ha immalinconito la risposta su . Non è il momento in cui serve il mister in campo, servono giocatori che hanno la condizione per fare la differenza (ANDREA DI CARLO, Tele Radio Stereo, 92.7)

Il ritorno di è importante. Sono convinto che con lui in campo la Roma non avrebbe perso 7-1 contro la (FERNANDO ORSIRadio Radio, 104.5, Radio Radio Lo Sport)

Non si può pensare però che il ritorno di possa sistemare le cose. dimostra di volersi mettere in gioco per dare una mano alla squadra allo sbando ma è scorretto e sbagliato addossargli una così grande responsabilità. Per me è l'ultimo colpevole: il primo sta a Boston, il secondo a Londra e il terzo è arrivato da Siviglia (STEFANO AGRESTIRadio Radio, 104.5, Radio Radio Lo Sport)

Per quanto visto a Firenze, domani non lo rischierei a centrocampo ma lo schiererei alto nel . Al 51' contro la  non stava più in piedi. Mi auguro che capisca che fare l'uno contro uno contro il Milan significherebbe perdere la partita. Anche a Firenze è stato imbarazzante...Sarri? Se lo cacciano dal Chelsea forse è l'ipotesi più probabile sulla panchina giallorossa (PIERO TORRI, Tele Radio Stereo, 92.7)

, quando è entrato contro la , non poteva cambiare in quel momento le sorti del match. Il suo recupero è importante per domani, consideriamo che anche solo la sua presenza in panchina contro il fu importante. Sono convinto che il destino di sia legato a quello di Monchi (GUIDO D'UBALDO,  Radio Radio, 104.5, Radio Radio Lo Sport)


Su la scelta di Monchi è questa, decide lui. Se fallirà la responsabilità è la sua. Apprezzo il coraggio, ma conta che ci guadagni la Roma. Spero che abbia ragione. Se verrà esonerato, lo sarà perché ha deciso qualcun altro al posto suo. Sinceramente sono dubbioso su questa scelta, si rischia davvero tanto un suicidio sportivo ‘a braccetto’. Con il Milan innanzitutto l’importante è non perdere. In tanti devono farsi perdonare, ma va giocata con la testa (ALESSANDRO AUSTINI, Tele Radio Stereo, 92.7)

Con il Milan è meglio non perdere perché altrimenti la situazione in classifica si aggraverebbe. Non credo che i giocatori stiano remando contro l'allenatore, ma spero che la squadra riesca ad uscire da questa crisi con lo spirito giusto. Ritorno di ? Potrebbe ridare serenità alla squadra, ma ci vuole la personalità, la faccia tosta per affrontare certe gare come quella contro i rossoneri dove la Roma è chiamata alla rivalsa (ROBERTO PRUZZO, Radio Radio, 104.5, Radio Radio Mattino, Sport e News)

Non è la prima volta che la Roma prende batoste come quella di Firenze, ma bisogna rialzarsi perché domenica c'è una partita da giocare. La società ha deciso di proseguire con e mi sembra la decisione più giusta visto che fra 10 giorni c'è la sfida di e domani c'è la gara con il Milan (FERNANDO ORSIRadio Radio, 104.5, Radio Radio Mattino, Sport e News)

Nella società sembra ci sia una spaccatura di vedute: da una parte Monchi, dall'altra . Sono molto titubante che possa riprendere in mano la situazione. Rispetto a quanto visto al ha fatto forse qualcosa in più, mentre Monchi rispetto a quello di Siviglia ha fatto qualcosa in meno (SANDRO Radio Radio, 104.5, Radio Radio Mattino, Sport e News)

La Roma si è fatta rimontare 4 volte in questa stagione e ciò vuol dire che la squadra perde inconsistenza nella seconda parte di gara. Monchi? È una persona per bene e credo che a fine stagione per sua volontà lascerà la capitale. Tutti erano convinti che lo spagnolo fosse un fenomeno ed è evidente che non sia adatto al calcio italiano, ma il problema è chi ha preso certe decisioni e che non paga mai (FURIO FOCOLARIRadio Radio, 104.5, Radio Radio Mattino, Sport e News)

La Roma ha avuto una girandola di allenatori con caratteristiche diverse tra loro: l'unico che è andato più avanti di tutti con uno scudetto sfiorato è stato Claudio Ranieri. Probabilmente non è ancora nato un tecnico adatto per i giallorossi. Più che cambiare allenatore, bisognerebbe cambiare la società nei suoi concetti, nelle sue valutazioni, nelle sue intenzioni (FRANCO MELLIRadio Radio, 104.5, Radio Radio Mattino, Sport e News)

Monchi ha dimostrato grande coerenza confermando sulla panchina della Roma, assumendosi così le proprie responsabilità e riconoscendo, pur non dicendolo, che la situazione per l'allenatore si è complicata. Ma il direttore sportivo ritiene che il tecnico abruzzese non sia l'unico responsabile di questo momento critico, perché anche i giocatori hanno un concorso di colpa (GUIDO D'UBALDORadio Radio, 104.5, Radio Radio Mattino, Sport e News)