FELICI: "Il Pellegrini visto ieri in campo mi è sembrato timido" - NISII: "Non vorrei che fosse uno splendido giocatore di categoria"

08/09/2018 alle 17:00.
massimo-ascolto-new

Nella settimana in cui il campionato è fermo per dare spazio alle gare delle nazionali, impegnate tra amichevoli e Nations League, gli opinionisti intervenuti sulle frequenze delle radio romane discutono in particolare sul modulo migliore che dovrebbe impiegare nelle prossime partite al fine di uscire al più presto da questo stato di confusione tattica. Per Roberto Renga: "Nella prossima gara contro il Chievo azzarderei un centrocampo formato da , Nzonzi e Pastore". Invece Jacopo Palizzi ripartirebbe dal: ", sarebbe il modulo migliore. Ti permetterebbe di utilizzare Pastore in un ruolo a lui più congeniale, senza sacrificare gli esterni".

_____

Questo e tanto altro in "Massimo Ascolto", rubrica de LAROMA24.IT, curata dalla redazione. Una passeggiata tra i più importanti programmi radiofonici della Capitale. Buona lettura.

_____

Ho la sensazione che Lorenzo Pellegrini stia segnando il passo. Se guardiamo la partita della nazionale di ieri mi sembra un giocatore timido, che fa fatica a diventare protagonista, invece lui ha le caratteristiche fisiche e tecniche adatte per diventare un grande centrocampista. Nel gioco di mi sarei immaginato un Pellegrini più al centro della manovra, invece mi sembra che non riesca a incidere più di tanto  (ANTONIO FELICICentro Suono Sport, 101.5, Te la do io Tokyo)

Io penso che sia quasi un bene che la Roma affronti adesso il in perché la squadra giallorossa non essendo chiamata dalla critica e dai tifosi a fare la partita memorabile potrebbe ritrovare quella chimica di squadra che raddrizzerebbe anche il cammino in campionato. Pellegrini? Non vorrei che fosse uno splendido giocatore di categoria (FEDERICO NISIITele Radio Stereo, 92.7)

A parte il modulo che dovrà impiegare, il tecnico giallorosso deve fare delle scelte e quelle scelte difenderle per le prossime partite: non può continuare a cambiare moduli, giocatori, le posizioni in campo dei calciatori... è il primo giocatore che metterei nella formazione della Roma, per quanto visto prima dell'infortunio (PIERO TORRITele Radio Stereo, 92.7)

Spero che sia in grado di scendere in campo per almeno uno spezzone della partita con il Chievo perché fra tutti gli altri esterni che si sono alternati in questo momento, ad eccezione di Kluivert e Under, non sembra che abbiano dato grandi risposte (GIANLUCA PIACENTINITele Radio Stereo, 92.7)

Io sono convinto che Lorenzo Pellegrini non è quello visto ieri nella nazionale perché ci ha fatto vedere di essere un giocatore capace, di avere gamba, di saper fare tutte e due le fasi: in questo momento mi sembra quasi che viva una situazione paranormale. Pellegrini si deve dare una svegliata perché questa è l'occasione della vita dove ha la possibilità di riprendersi la Roma  (ANDREA PUGLIESETele Radio Stereo, 92.7)

Arrivare in semifinale di paradossalmente è più facile di vincere uno scudetto. In coppa possono esserci molti fattori esterni che influiscono, anche il Liverpool non era tra le favorite e poi è arrivato in finale. In campionato invece alla lunga vince sempre la squadra più forte (STEFANO AGRESTIRadio Radio, 104.5, Radio Radio Lo Sport)

Quella di è stata una critica a Monchi e a : dire che la squadra non può competere con la dopo tre giornate mi sembra, più che una critica alla squadra, una critica a chi l’ha formata (GIANLUCA LENGUARadio Radio, 104.5, Radio Radio Lo Sport)

_____

Guardando la Nazionale di ieri parlerei della prestazione scialba di Pellegrini. da ora in poi dovrà fare delle scelte e rinunciare a qualcuno. Credo che Pellegrini possa essere uno di questi, perché le occasioni per mettersi in mostra le ha avute. Credo che il tecnico avrà tratto delle conclusioni dalla gara di ieri (ROBERTO PRUZZO, Radio Radio 104.5, Radio Radio Mattino - Sport e News)

conosce molto bene Pellegrini perchè lo ha avuto a . È vero, con la Roma non ha sempre fatto bene, ma sarebbe sbagliato giudicarlo in base alla partita di ieri. Inoltre con i giallorossi in questo inizio di campionato ha giocato pochissimo. Nella prossima gara contro il Chievo azzarderei un centrocampo formato da , Nzonzi e Pastore. La Roma deve puntare sull'argentino, perchè per lui sono stati investiti molti soldi. Cristante? Puo'essere il suo sostituto (ROBERTO RENGARadio Radio 104.5, Radio Radio Mattino - Sport e News)

Pellegrini ha avuto un anno di adattamento, ma ora deve fare qualcosa in più. È stato voluto fortemente ed è stato pagato molto, deve darsi una svegliata. ? Al momento non c'è alternativa al capitano, anche in Nazionale. Resta il miglior centrocampista italiano (NANDO ORSI, Radio Radio 104.5, Radio Radio Mattino - Sport e News)

Pastore è un adattato nel ruolo di mezz'ala. Il primo a non credere in lui in quella posizione è , che lo ha schierato anche esterno d'attacco e addirittura falso nove. L'altro grande rebus riguarda Schick (MATTEO RAIMONDI, Radio Radio 104.5, Radio Radio Mattino - Sport e News)

Messaggio a ? Deve fare di testa sua. A Roma c'è un ambiente in cui tutti sono allenatori. Il tecnico non deve ascoltare nessuno e lavorare, altrimenti diventa matto (FRANCO MELLIRadio Radio 104.5, Radio Radio Mattino - Sport e News)

è ancora il miglior centrocampista italiano che può giocare davanti alla difesa. Non a caso Mancini l’ha nominato, ha detto che per lui la porta della Nazionale è sempre aperta. Messaggio a ? Solo una cosa: fregatene (FURIO FOCOLARIRadio Radio 104.5, Radio Radio Mattino - Sport e News)

In questa momento tutti i giocatori della Roma sono in una condizione approssimativa. Il sarebbe il modulo migliore: ti permetterebbe di utilizzare Pastore in un ruolo a lui più congeniale, senza sacrificare gli esterni, perchè sulle fasce potresti dare spazio a Under e Kluivert. Certo, se dopo 4-5 partire Pastore non dovesse dare delle risposte vanno fatte altre valutazioni (JACOPO PALIZZI, Tele Radio Stereo 92.7)

Il problema della Roma non sta nei nuovi acquisti, ma nei vecchi, i quali hanno perso ogni automatismo. Schick e , ad esempio, non possono giocare insieme. Kolarov non è quello dello scorso anno, anche se è vero che, viste le incertezze della linea difensiva, spinge molto meno. Anche il fattore incide, con alle spalle il serbo si concedeva più licenze in fase offensiva (ANDREA DI CARLO, Tele Radio Stereo 92.7)

Schick e Pastore? Sono due nodi da risolvere per . Per quanto riguarda Schick, tutti quelli che lo vedono parlano di un giocatore fortissimo che merita di giocare, poi però quando è stato chiamato in causa non ha saputo confermarsi. Forse accusa troppo questa smania di dover dimostrare quello che vale. Ad oggi, comunque, non lo inserirei nella mia squadra ideale. Monchi e ? Vedo una discreta sintonia tra i due, il loro rapporto è molto buono. Il diesse non ha mai messo in dubbio le qualità dell'allenatore e lo ha sempre difeso. Detto questo però, è evidente che Monchi sceglie i giocatori senza farsi troppi scrupoli (ALESSANDRO AUSTINI, Tele Radio Stereo 92.7)