Il Torino di Mazzarri

18/08/2018 alle 17:43.
mazzarri-2

LAROMA24.IT – Finalmente si ricomincia. Archiviata l’estate tra un mercato rivoluzionario, ritiro e amichevoli tra Trigoria e Usa, ora si fa sul serio. La Serie A apre i battenti e per la Roma c’è subito una partenza in salita. I giallorossi debutteranno contro un Torino voglioso di riscattare la deludente passata stagione.

RISCATTO – L’ultimo anno si era concluso con l’Europa mancata di un soffio (6 punti dal settimo posto) e in generale da un andamento altalenante nella parte finale del girone d’andata, sostanzialmente quando la gestione Mihajlovic era ormai al capolinea. L’arrivo sulla panchina granata di Walter Mazzarri ha limitato i danni, pur se l’obiettivo Europa League è stato mancato di poco. Obiettivo che è rimasto identico anche quest’anno e un segnale chiaro è arrivato anche dal mercato, in cui il Torino, specie nel ‘deadline day’ ha recitato un ruolo da protagonista.

MERCATO – Conferma dei big e acquisti mirati e di livello: questa la sintesi dell’estate granata. La permanenza di Belotti (cercato dal ) e dell’ex di turno (respinte le avance del Siviglia) è stato il punto di partenza di una strategia che ha visto l’arrivo di molti volti nuovi. E’ la difesa il reparto più ritoccato: Izzo, Bremer, Ola Aina e infine Djidji sono i nuovi innesti. I colpi veri e propri però riguardano centrocampo e attacco. Il francese Meite arrivato dal Monaco e soprattutto due ritorni dalla Spagna, concretizzati l’ultimo giorno di mercato: Roberto Soriano, reduce dall’esperienza al Villarreal e Simone Zaza, strappato alla Sampdoria.

FORMAZIONE – La curiosità principale riguarderà come Mazzarri sfrutterà i nuovi acquisti. La rosa attuale dà infatti un ampia scelta al tecnico granata, che potrebbe proporre il 3-4-1-2 o anche il 3-4-3 in luogo del suo classico 3-5-2. Altro motivo di interesse sarà poi quello dell’impiego di Zaza, il compagno di reparto di Belotti a lungo cercato e finalmente arrivato. Resta l’interrogativo legato a quei giocatori che difficilmente accetterebbero il ruolo di alternative e che potrebbero lasciare il Toro visto il mercato all’estero ancora aperto. Il primi indiziato in tal senso è Niang ma occhio anche a , altro ex della partita che però per noie muscolari non prenderà parte alla sfida di domenica. Sarà out anche Damascan, resta da valutare Rincon. Per la Roma non dovrebbero però esserci particolari sorprese, salvo l’impiego di Berenguer a destra al posto dello squalificato Ansaldi. Ovviamente molti i cambi rispetto alla formazione che ha strapazzato il Cosenza in Coppa Italia, prima uscita ufficiale di domenica scorsa. Sirigu in porta, linea difensiva composta da Izzo, N’Koulou e Bremer. De Silvestri e Berenguer saranno gli esterni con Baselli, Rincon e Meite in mediana, in attacco la coppia -Belotti.