Inter-Napoli: “Azione decisa al ‘Baretto’ e in chat

11/01/2019 alle 09:27.
scontri-milano-san-siro

IL FATTO QUOTIDIANO (D. MILOSA) - Quella di Santo Stefano è stata "un'azione in stile militare". Così la definisce il giudice milanese Guido Salvini. Messaggi in chat, armi pronte sul posto, autisti per trasportare i 120 ultrà interisti sul luogo dell'agguato, staffette per agganciare i napoletani già in autostrada. Per comprendere quando e perché il piano è stato messo a punto da alcuni capi della curva interista bisogna partire da due date precise. Elementi inediti che ci vengono spiegati da una fonte interna al mondo ultrà milanese che la sera del 26 dicembre era fuori dallo stadio e poi in curva Nord.

LA PRIMA DATA è quella del 20 dicembre scorso, ovvero una settimana prima degli scontri. Siamo nella zona dello stadio Meazza davanti al Baretto, storico ritrovo degli ultrà nerazzurri. È un giovedì. All'interno del locale ci sono circa dodici persone, tra capi e sottocapi dei vari gruppi. Sono chiusi dentro. Discutono, preparano la trasferta di Chievo del 23 dicembre, dopodiché s'inizia a parlare di -. "In quell'occasione - spiega la fonte- si è parlato dei van che gli ultrà della curva A del avrebbero usato per arrivare a Milano. Hanno spiegato che sarebbero arrivati in ordine sparso". Si fa un accenno chiaro agli scontri e alla modalità con cui dovranno svolgersi. A quel punto, i capi escono all'esterno. "Le informazioni sul 26 vengono date a un gruppo di circa una ventina di persone". Sono le modalità a compartimenti stagni già spiegate alla Procura da Luca Da Ros, membro dei Boys oggi ai domiciliari. Il racconto mette un tassello fondamentale in questa storia: l'agguato ai 150 ultrà napoletani fu programmato, almeno nella sua fase finale, una settimana prima davanti al Baretto, la cui proprietà non è minimamente coinvolta. Il giorno di Natale, poi, il invia un ordine di servizio interno per la disposizione della sicurezza. Il match è a rischio. La partita è tale in virtù dei precedenti tra le due tifoserie. Nel documento se ne citano due del 2015 e del 2016. Episodi non aggiornati. Ciò che infatti ha scatenato la voglia di vendetta da parte degli interisti è un'altra data. Per capire bisogna tornare al 21 ottobre 2017. Girone di andata dello scorso campionato. Si gioca -. "Quella sera - ci viene spiegato - i napoletani sono entrati nel nostrosettore armati di spranghe e bastoni, un'infamata" e per questo "toccava a loro". Quella fu la scintilla. Nelle settimane che precedono il 26 alcuni referenti dei vari gruppi della Nord si sono scambiati messaggi "anche in codice" su una chat di WahtsApp. Quella chat, bollente prima di Santo Stefano, la mattina del 27 è diventata stranamente muta. Il dato rappresenta un elemento nuovo. Non solo, il 26 pomeriggio un'auto con a bordo ultrà interisti intercetta i van dei napoletani già al casello di Melegnano. Da qui scatta la prima telefonata. Una seconda arriverà pochi minuti prima degli scontri quando uno scooter di grossa cilindratacon abordo due persone vede i napoletani in via Novara.

Spostiamoci ora in curva. Chi ci sta si accorge che molti volti noti non ci sono. Nessuna certezza che siano agli scontri, ma che manchi qualcuno degli Irriducibili o coloro che vendono la fanzine, è strano. Molti dei diffidati che ogni domenica sono comunque in curva, non si vedono. Qualcuno era al Cartoons Pub, base del blitz. Spiega Luca Da Ros nel suo secondo verbale: "I capi stavano nello stanzino, solo loro potevano entrare". Qui si mettono a punto gli ultimi dettagli. Poi si scende e si urla: andiamo!