Fatti di Liverpool, Uefa soft

06/06/2018 alle 07:34.
img_2100

LEGGO (F. BALZANI) - Una trasferta vietata e cinquantamila euro di multa. L’Uefa ha usato decisamente la mano leggera nei confronti della Roma per gli scontri fuori Anfield con i tifosi del Liverpool dello scorso 24 aprile che hanno portato al grave ferimento del tifoso irlandese e padre di tre bambini Sean Cox (trasferito in questi giorni a Dublino e ancora in coma con gravi danni cerebrali) e all'arresto di Filippo Lombardi e Daniele Sciusco, i due ultrà romanisti che sono in carcere in Inghilterra in attesa di processo fissato per l’8 ottobre. La Commissione disciplinare del massimo organo calcistico europeo ha multato il club con 50 mila euro e ha deciso che i tifosi giallorossi non potranno seguire la squadra nella prossima trasferta europea. Una seconda giornata di è stata invece sospesa per un periodo probatorio di due anni. Se quindi dovessero verificarsi nuovi incidenti durante queste periodo, diverrà effettiva anche la seconda giornata di per i tifosi giallorossi. Scongiurato l’Olimpico a porte chiuse o la dalle coppe. Nonostante questo la Roma sta valutando se fare ricorso, deciderà dopo aver ricevuto la documentazione da Nyon. Sul giudizio dell’Uefa è pesata la buona volontà del club nel collaborare con le forze dell’ordine per l’individuazione dei colpevoli e il limitato potere di controllo all'esterno di Anfield in una situazione gestita male dalla polizia inglese. Lo stesso presidente dell’Uefa Ceferin nei giorni scorsi aveva anticipato la linea soft: «Non so se punire il club per l’azione imprevedibile di un folle qualsiasi cambierebbe la situazione. Bisogna che la giustizia ordinaria sia più severa con questi soggetti. Serve collaborazione. Per la partita con il Liverpool il governo italiano ha dato un grande appoggio, la polizia ha protetto i tifosi. Si deve fare così». Tuttavia un procedimento è stato aperto nei confronti della Roma anche per la gara di ritorno per “insufficiente organizzazione” e contro il presidente James per “condotta scorretta” (le dichiarazioni sul Var rilasciate al termine della gara dell’Olimpico). Anche in questo caso, però, è prevista solo una multa o un deferimento. L’Uefa ha ufficializzato anche la ripartizione del premio per la qualificazione in dei giallorossi che sarà di 15,25 milioni ai quali poi si aggiungerà il tesoretto per i ricavi ottenuti grazie all'accesso alle semifinali della scorsa stagione.