Roma, Monchi twitta sul Siviglia. I tifosi spagnoli: "Torna a casa!"

08/02/2018 alle 15:51.
confrenza-stampa-perotti-atletico-roma-21-11-7

GAZZETTA.IT (C. ZUCCHELLI) - Spesso il cuore di Ramon Monchi è col Siviglia. Inevitabile, certo, quando ci hai passato tutta la vita. Ma in un momento tanto delicato per la Roma, quando l’immagine del club non è certo al massimo tra risultati polemiche di mercato, giocatori fuori squadra per video esagerati o incidenti d’auto notturni, il tweet del direttore sportivo, intriso di tifo e passione che fa l’in bocca al lupo al suo ex club con le parole di un testo di un coro, sa tanto di nostalgia. Poco gradita dai tifosi della Roma. E nostalgico il tweet viene interpretato anche dai tifosi spagnoli che lo acclamano, quasi lo implorano: “Torna, ti aspettiamo”, “Basta con questo scherzo di stare a Roma, torna a casa!” e gli chiedono “Leon ti sei già stufato di Roma?”. Quelli della Roma, tra chi lo invita a concentrarsi sulla squadra giallorossa e chi meno elegantemente a riprendere l’aereo per Siviglia, invece aspettano di capire chi porterà nella prossima campagna acquisti. “Perché per adesso del vero Monchi che s’è visto?”. Al netto di messaggi d’amore o di rimprovero dei tifosi colpisce come l'account ufficiale su del direttore sportivo della Roma rappresenti bene le sue due anime, perché sono diversi i riferimenti al Siviglia negli ultimi mesi.

PRIMA POLEMICA - Qualche settimana fa i tifosi avevano gradito poco come il direttore sportivo, in pieno mercato, avesse messo come immagine del profilo una sua foto circondato dai trofei vinti a Siviglia. Poi però Monchi ha cambiato e ha messo l’immagine della squadra che esulta dopo il gol di Under col Verona. Foto di copertina, invece, l’immagine della coreografia della nell’ultimo derby. Battutine velenose via social archiviate, almeno per qualche giorno.

DIVISI - Ieri invece, per fare l’in bocca al lupo al Siviglia di Montella che si giocava la finale di Coppa del Re (in programma ad aprile), ha messo una frase in spagnolo: “Entre un te quiero y un te quiero vamos remontando al cielo” (un coro dei suoi ex tifosi, ndr) e un invito alla rimonta. I supporter del Siviglia l’hanno apprezzata tanto, i romanisti, che pure non lo hanno mai criticato duramente nel mese di gennaio nonostante la trattativa per la possibile cessione di ( ritenuto l’unico responsabile), stavolta hanno risposto. Qualcuno ha replicato ai tifosi spagnoli (“Adesso è nostro”), qualcun altro invece ha risposto con toni un po’ più piccati. Che il cuore di Monchi sia diviso non è una novità – a Siviglia è nato e cresciuto, come uomo, calciatore e poi dirigente – e neppure che i tifosi lo rivorrebbero, ma è blindato da un contratto con la Roma. E le centinaia di tifosi spagnoli che sperano nel suo ritorno si dovranno per ora mettere l’anima in pace. La speranza dei romanisti, invece, è che presto la grande accoglienza riservata a Monchi venga ricambiata con un mercato più convincete è un rendimento migliore degli acquisti fatti fino a questo momento. Tranne Kolarov e, a tratti, Under, tra sfortuna, infortuni e scarso rendimento, nessuno finora è stato indimenticabile. E questo cominciano a farglielo notare. E forse certi messaggi tra tifo e nostalgia non sempre aiutano a rinsaldare l’amore un po’ sfilacciato delle ultime settimane... Nel calcio 2.0 anche un semplice tweet senza malizia può creare dibattito tra i tifosi. Come direbbe un moderno Humphrey Bogart: “Sono i social, bellezza”.

VAI ALL'ARTICOLO ORIGINALE