Sacrificio alla Roma. Nuovo look senza un big

14/01/2018 alle 08:34.
juventus-v-as-roma-serie-a-14

(..) Nessuna sorpresa: se mercato sarà a gennaio dovrà essere autofinanziato, ovvero solo con il ricavato delle cessioni si può pensare a operazioni in entrata. (..)  La Roma è pur sempre una società «rea confessa» che ha comunicato alla Uefa di aver sforato i paletti imposti dell’ultimo fair play finanziario. Tra un paio di mesi si capiranno le sanzioni. Nell’attesa non cambia il messaggio: plusvalenze oggi e domani. Il domani sarà , il presente è uno scenario che a Trigoria possono solo immaginare. (..) Di certo c’è che la Roma non dice no a priori per nessun calciatore, neppure in questo mese invernale. (..) Il piano B, è l’occasione che non puoi rifiutare, in stile Gervinho-Cina di due inverni fa. Che poi da quelle parti ci hanno riprovato anche di recente, sempre per un attaccante.  ha detto no, non è sua intenzione trasferirsi in Asia. Ma non si possono escludere altri assalti, il bosniaco continua ad avere mercato e le antenne vanno tenute sintonizzate, pur essendo un giocatore centrale per il gioco di , uno dei pochi ad aver sempre dato l’idea di sapere cosa fare in campo. Insomma: potendo scegliere, non è il bosniaco il primo dei sacrificabili. Discorso che non vale per : la clausola da 45 milioni pare un ricordo sbiadito, ora la quotazione è scesa e di fronte a una buona offerta l’olandese partirebbe. (..) Per invece non trovano conferme le voci di interessamenti dalla Premier League mentre qualche movimento ci sarebbe in Bundesliga. Ovvio che, in caso di addio di un titolare, cambierebbe il portafoglio e lo scenario di Monchi. (..)

(gasport)