Tor di Valle, nuovo progetto in Regione. Tre mesi per valutarne tutte le criticità

09/09/2017 alle 08:03.
stadio-roma-nuovo-rendering-tor-di-valle

IL MESSAGGERO (L. DE CICCO) - Dopo la stroncatura della prima conferenza dei servizi, l’iter per la costruzione del nuovo stadio a , con annesso “Ecomostro” di uffici, alberghi e negozi, riparte da zero. Ieri i privati hanno spedito alla Regione i faldoni con tutte le modifiche apportate dopo la sfilza di pareri negativi incassati al primo tentativo di edificare quasi 600mila metri cubi, in violazione del Piano regolatore, in un’area ad alto rischio idrogeologico. I tecnici della Pisana hanno quindi iniziato a protocollare le carte; entro cinque giorni lavorativi (probabilmente tra mercoledì e giovedì) gli atti verranno inoltrati a tutti gli enti coinvolti nella conferenza che dovrà decidere se approvare o bocciare definitivamente il progetto. A quel punto scatterà il contdown: i tecnici di Regione, Comune, Città metropolitana, Ministeri e autorità varie avranno 90 giorni di tempo, come prevede la legge, per fornire la valutazione finale sull’operazione calcistico-immobiliare già cassata dall’Istituto nazionale di Urbanistica e da tutte le principali organizzazioni ambientaliste del Paese, da Legambiente a Italia Nostra. In tre mesi gli esperti dovranno no valutare se i proponenti sono riusciti a superare tutte le criticità evidenziate durante la prima conferenza dei servizi, che si è chiusa con un esito negativo.