Sedici anni fa delirio scudetto con Sensi, Totti e Batistuta

17/06/2017 alle 08:34.
francesco_totti_esultanza_gol_scudetto_roma_getty2

IL TEMPO (G. GIUBILO) - Non è una data che il tifoso giallorosso possa dimenticare, quel 17 giugno che avrebbe segnato l'ultimo trionfo tricolore di una Roma che da quel momento lo scudetto avrebbe cominciato soltanto a sognarlo. Risultati di grande rilevanza, con quei secondi posti illustrati da numeri da primato, ma la vetta apparteneva ad altri. A cominciare da quella , che avrebbe conquistato il record dei trionfi consecutivi, tuttora saldamente nelle sue mani, diventate ferocemente rapaci. Quella Roma era stata costruita per riprendersi una posizione di assoluto prestigio, detenuta per tempi ritenuti troppo brevi per una tifoseria precipitata nel malumore. Franco Sensi, mai realmente amato dalla frangia più estrema del tifo, c’aveva messo tanta buona volontà per recuperare le posizioni perdute e trovare cure adeguate alla ferita aperta dalla vittoria del campionato da parte del rivali laziali. Il presidente sentiva bruciare sulla sua pelle quello scudetto che i cugini avevano appena riportato nella Capitale.  Nel cuore dei tifosi, Franco Sensi aveva raccolto un’eredita molto pesante, quella lasciata da Dino Viola, un presidente il cui nome sarebbe rimasto scolpito in modo indelebile nella memoria di tutti i romanisti. Avrebbe conosciuto, la Roma, parentesi amarissime, toccando il fondo quando la proprietà fini nelle mani di Ciarrapico, un nome che i tifosi non avrebbero mai dimenticato e non certamente per affetto.

Con l'arrivo di Sensi, ripresero corpo anche le grandi ambizioni da troppo tempo accantonate. Grandi premesse, a partire da una serie di acquisti che tuttavia nei priori anni di gestione non portarono i frutti sperati. Un'opera di ricostruzione ricca di ostacoli, per Franco Sensi e la nuova dirigenza, fatti oggetto di una contestazione volgare e violenta, lino agli estremismi dell'attacco fisico contro i giocatori. Non avrebbe badato a spese, la Roma, per ritrovare il consenso del tifo. Nell'anno del Giubileo, si allestì una campagna acquisti sontuosa, con l'argentino Samuel, destinato a diventare un pilastro inamovibile della difesa. Meno fortunato, almeno nell'immediato, l'acquisto di un altro grande calciatore come , il cui apporto fu limitato nella prima parte della stagione da un grave infortunio, ma che si rivelò fondamentale una volta ristabilitosi. Ma a portare un entusiasmo che poche volte si era visto nella Capitale fu l'acquisto del più forte attaccante del campionato italiano dell'epoca: quel Batistuta strappato alla a suon di miliardi e destinato a rimanere a lungo l'esborso di mercato più importante della storia giallorossa. Oltre dieci mila tifosi entusiasti accorsero all'Olimpico, in un'afosa mattinata di giugno, per salutarne l'arrivo tra cori e ovazioni, un affetto che venne ripagato nel corso di una stagione che lo vide assoluto protagonista.  Elementi di assoluto livello, quindi, che andavano a impreziosire una rosa di alto spessore: scontato menzionare , che avrebbe avuto in quella stagione la soddisfazione forse più importante della sua carriera, raccogliendo il giusto premio per la sua incrollabile fedeltà; Cafu e Candela (la Roma non avrebbe più visto una coppia di terzini tanto efficace) e oscuri ma imprescindibili mestieranti come Tommasi e Delvecchio, diventati presto beniamini dei tifosi, e quel destinato in un lontano futuro a sedere proprio sulla panchina della Roma, cosi come Montella, che la caratura della rosa costrinse spesso al ruolo di riserva di lusso. L'avvio infausto, con la prematura eliminazione dalla Coppa Italia per mano dell'Atalanta, riaccese da subito le più violente contestazioni, ma Capello fu abile a tenere in pugno gli umori della squadra e iniziò una marcia trionfale che avrebbe portato al terzo scudetto giallorosso, in un caldo 17 giugno di ormai troppi anni fa. Una data da ricordare, per questa Roma, che vuole tornare presto a rivivere quelle emozioni. Anche se, per ora, la supremazia dei cannibali juventini rende evanescenti i contorni di quel sogno.