Le conseguenze dell'amore

25/04/2018 alle 12:59.
whatsapp-image-2018-04-25-at-12-08-56

LR24 (AUGUSTO CIARDI) - Avrete sicuramente amato. I vostri genitori, un fratello, una sorella, un animale, una donna, un uomo, dei figli. Amare significa godere con sobrietà i percorsi di vita positivi di chi accende il cuore, sapendo anche mettersi un po’ in disparte lasciandogli la ribalta, con la serenità di chi si sente rassicurato perché chi si ama sta bene, è felice.

Amare è godersi i momenti. Ma è quando le cose non vanno per il verso giusto che l’amore deve deflagrare ed essere coniugato con verbi differenti. Proteggere, per esempio. Supportare e sopportare, anche. Persino correggere e criticare, che fa rima con spronare. Sì, pure spronare. La Roma a Liverpool ha perso, stava straperdendo. E in questi momenti l’amore deve tramutarsi in supporto. Perché è vero che la Roma in ha dimostrato di avere le spalle larghe. Ma ad Anfield Road per oltre un’ora sembrava un bambino spaesato, smarrito fra un’ingorda e spietata massa di gente vestita di rosso, e ha vissuto momenti terribili. Mitigati da un finale che solo il calcio sa scrivere. Che consente di essere presenti, all’appuntamento e a se stessi, nel momento del bisogno.

Perché l’amore non prevede l’abbandono. L’amore non si accanna. Questa Roma non si accanna. Perché inorgoglisce, verbo irregolare. Irregolare come il terzo gol del Liverpool. Si sarebbe perso lo stesso, ok, ma l’amore occorre dimostrarlo ora perché questa squadra vessata in Europa dagli arbitri spediti da Collina ha saputo andare oltre anche grazie alla coniugazione del verbo credere. Perché a forza di crederci la Roma ha dominato il in una partita che, contando la gente all’Olimpico, si è giocata in sessantamilaundici contro undici. Come pure accadrà il due maggio. Per continuare a coniugare il verbo amare e i suoi derivati, accompagnati dall’avverbio spontaneamente. Perché il tifoso della Roma che non ha pregiudizi, vada come vada, avrà spontaneamente amato e spronato, sostenuto e mai accannato, supportato e ringraziato. Ringraziato una squadra che ha già aggiornato la sua storia con un capitolo bello e inaspettato. Inaspettato come il finale di Liverpool, quello che offre per il ritorno una (seppur piccola) speranza. Perché amare è anche sperare.

@augustociardi - In The Box