Chievo Ver...ità

26/04/2018 alle 17:52.
inglese

LAROMA24.IT (Mirko Bussi) - E adesso? Ora il Chievo. Come il Chievo? Sì, proprio loro, i terz’ultimi per seguito di tifosi. E la musichetta? Spenta. Ambiente? Caldo, caldissimo. Ma per la temperatura prevista. E la Kop? C’è la Coop, dietro l’angolo. Qualcosa d’inglese? Sì, ce l’abbiamo: Roberto, 9 gol e 2 assist finora in Serie A. Si può andare a Kiev? Boh, di certo si va in Sardegna una settimana dopo. Chissà se Qatar Airways avrà interesse a mostrarsi sabato. Dovrà presentarsi, e con tutti gli strumenti necessari, la Roma. Perché il sogno di una grande squadra passa inevitabilmente da dimostrarsi realmente grandi anche col Chievo. Dalla perversione di arrampicarsi nell’olimpo del calcio europeo alla realtà di dover inforcare nuovamente la pala per scavare verso l’obiettivo stagionale, un biglietto d’ingresso per la prossima . E sabato si saprà se la Roma sa essere solo un sogno oppure è capace di realizzarsi nel quotidiano.

Un giro fa, prima di Chievo-Roma, con le sale di Trigoria ancora imbrattate dalle bollicine di spumante scorse per il primato nel raggruppamento , Monchi l’aveva fissata come test di maturità. Al quale la squadra rispose 0-0. Rimandati. Era il prologo del periodo più buio della stagione coinciso, fatalmente, con la pausa della . La Roma riprese a marciare da febbraio, quando si cominciava a percepire l’odore dello Shakhtar, sfidato due settimane più tardi.

139 giorni dopo la Roma torna dal Chievo vantando sullo scudo le tacche conquistate dinanzi allo Shakhtar e al . Ma anche lì il ritorno alla realtà italiana fu traumatico: sconfitta per 0-2 col Milan dopo l’andata in Ucraina e stessa sorte, con identico punteggio, dalla al ritorno dal Camp Nou. Peccati che obbligano la Roma a dover spalare ancora in campionato per potersi garantire un nuovo giro di giostra in , il parco divertimenti dei grandi. E i grandi, quelli davvero grandi, quando gli capiti sotto non ti chiedono i documenti: prendono tutto ciò di cui hanno bisogno, che tu sia il Chievo o il Liverpool.

@MirkoBussi - In The Box