Il buco e la toppa

01/09/2017 alle 10:18.
mahrez-twitter-lr24

E' finita la finestra di calciomercato estiva. Se ne riparlerà a gennaio, ahinoi e per fortuna. Si perché i rumors intorno ad acquisti e cessioni di campioni o presunti tali, giovani di belle speranze o esperti mestieranti sono da sempre tra le news più lette e cliccate. Bisogna diffidare da chi dice il contrario. Negli anni sono proliferati esperti di mercato e relative trasmissioni ad hoc, senza contare i portali dedicati e lo spazio sempre maggiore riservato sulla carta stampata. Di Marzio e i suoi fratelli hanno creato nel tempo una vera e propria figura professionale che, senza dare titoli di merito (o demerito), segue, insegue, alle volte addirittura influenza il calciomercato.

Tutto questo solo per dire che c'è chi nelle varie sessioni  (ma in realtà quasi tutto l'anno ormai), fa di lavoro il cronista di mercato. Senza entrare nel giudizio di chi lo fa bene, con credibilità, con affidabilità e chi no, è un lavoro, una mansione specifica. Laroma24.it non aspira a questo, ma nel corso di questa estate, piena (come spesso accade) di indiscrezioni, rivelazioni, sussurri, spiragli, aperture, riavvicinamenti, blocchi, dietro-front, rifiuti, scelte di vita, in un'occasione è caduta fragorosamente. Si potrebbe far finta di nulla. Passa il tempo e 'tanto poi la gente si dimentica'. Può essere (anche se in periodo di social e screenshot difficile da credere). C'è poco da cincischiare, su 'Mahrez, Roma e Leicester stanno chiudendo' abbiamo sbagliato. Punto. E a capo.

Si potrebbe vaneggiare, come sentito da più parti, di un 'lì per lì era ai dettagli, poi le cose sono misteriosamente cambiate'. Ok, va bene. O anche 'ma se da più fonti accreditate è stato detto così, che responsabilità avete?'. Benissimo. E' proprio lì il punto. Così non si perde mai: quando il rumor diventa ufficiale, mi prendo i meriti e sono il più bravo di tutti. Quando, invece, non si verifica quello che avevo rivelato tramite l'ausilio di una fonte, la 'colpa' o è della fonte stessa o degli eventi che sono incomprensibilmente mutati o ancora del destino cinico e baro. Troppo facile e rischioso sempre e solo per gli altri. E invece umilmente alziamo la mano e lo diciamo: abbiamo toppato! Sbaglieremo di nuovo (non c'è dubbio), ma almeno abbiamo posto un paletto per cercare di non commettere errori di questa tipologia. Perché di errore si è trattato.

MDR - In The Box