Se non ora, quando?

05/01/2018 alle 11:33.
disappunti-di-viaggio

LR24 (DARIO BERSANI) - Se la squadra tiene alla sua credibilitá, torni subito a vincere, possibilmente senza convincere. Perché a Roma convincere fa troppo spesso rima con illudere. Chiudendo alla svelta l’Ufficio Complicazioni Cose Semplici. L’Atalanta non è tra queste pratiche, ma almeno non c’è il rischio di sottovalutarla. Dicembre era un altro girone di un altro anno. Si volti pagina. Si scrollino di dosso, i calciatori, la negativitá di quelle loro facce appese del primo tempo col . E tornino a pedalare, perchè a Torino hanno perso loro hanno perso, nessun altro. Dimostrino di mettere la sordina ai loro proclami di cartapesta, facendo i duri anche contro Chiellini e Mandzukic e non solo con Barberis e Parigini. Magari al ritorno, quando sarà.
Se ancora servirà.

Se la societá ha voglia di provare a recuperare le due avversarie pronte ormai a seminarci, cerchi l’intuizione e la formula per un paio di prestiti magari biennali e aiuti a scegliere offrendogli un miglior assortimento. Se proprio non si vuol cambiar modulo. Se proprio nun stamo in bolletta, dico, ma non mi pare.

Se l’allenatore ha (ap)preso qualcosa da Capello, rampogni pure il Bukowski belga come fece a Genova con ma lo schieri in campo per primo con l’Atalanta, caricandolo a dovere. E fine. Al resto ci hanno pensato i dirigenti. Il momento è delicato: un bravo mister fa giocare i migliori. E è il migliore della Roma.

Se esce dal torpore del fatalismo nichilista, timbrerà e deciderá le partite da par suo. La Roma ha un urgente, assoluto bisogno che il suo centravanti torni a credere in Lei, prima ancora che in se stesso. Se.

Se l’ambiente è maturo, esca dal fazionismo e...E niente. Passamo appresso.

Oh, se solo ci si potesse autoconvincere di non aver gettato tutto alle ortiche in dieci giorni come l’anno scorso o a cavallo tra i due gironi come troppo spesso è successo, vi saremmo così grati...

Se qualcuno pensava realmente che non avremmo mai rimpianto mai una cessione...beh, sbagliava. Peró é volato via da un pezzo e - volendo - si puó riprovare a giocare in undici lo stesso.

Se-per-se fa trenta-se. Troppi, in effetti.
Ma se al ritorno famo basta pali e gol annullati, se pó ancora fa’.
Se.

@DarioBersani - Disappunti di viaggio