ROMA-MILAN: Amarcord

03/05/2011 alle 14:48.

Il primo precedente tra Roma e Milan nella Capitale è del 27 gennaio 1929: quel giorno, nell’impianto del Motovelodromo Appio, la sfida si concluse con il risultato di 1-1, con i gol di Torriani e Chini Luduena.

La stagione successiva la Roma allenata da mister Burges ottiene il suo primo successo contro il Diavolo: il 23 marzo 1930 decide il match un gol di Volk nel finale.

Il 18 gennaio 1931 i rossoneri sbancano per 1-2 grazie alle reti di Arcari III e Sternisa, mentre il gol romanista è realizzato da Fasanelli.



Il 26 febbraio 1933 il pubblico di Campo Testaccio saluta un fragoroso 4-0 per i giallorossi di Kovacs: decisive le reti di Volk, Fasanelli e una doppietta di Costantino.

Nella stagione del suo primo tricolore la Roma non fece sconti nemmeno al Milan: il 30 novembre 1941, allo Stadio del Partito Nazionale Fascista, i capitolini si imposero per 2-0 grazie ai gol di Di Pasquale e Donati.

Dieci anni dopo ancora una vittoria per la Roma, ma coincidente con il punto più basso della storia giallorossa: il 17 giugno 1951 (ironia della sorte proprio la stessa data in cui, cinquant’anni dopo, arriverà il terzo scudetto) i giallorossi devono assolutamente battere il Diavolo e sperare che il di Amadei sconfigga il Padova. Il miracolo riesce a metà. La Roma si impone in rimonta per 2-1, grazie ai gol di Nordhal e Trerè che risposero al vantaggio di Tognon, ma la doccia gelata arriva dal Veneto, condannando i capitolini al purgatorio della cadetteria.



Il 15 dicembre 1968 non si ricorda tanto per lo scialbo 1-1 tra Roma e Milan, quanto per il penultimo gol di Giuliano Taccola in giallorosso, prima della tragedia che tre mesi dopo lo avrebbe stroncato a Cagliari. Al gol dello sfortunato centravanti romanista rispose Sormani per il definitivo pareggio.


Il 25 settembre 1983 la Roma di Liedholm, fresca di tricolore, ospita il Milan neopromosso di Castagner. Una sfida senza storia, che vede i giallorossi strapazzare gli avversari per 3-1: all’illusorio vantaggio di Battistini rispondono Vincenzi, l’ex Aldo Maldera e Falcao.

Il 24 novembre 1985 c’è invece Sven Goran Eriksson a guidare la Roma nel successo per 2-1 sui rossoneri. Per i giallorossi vanno a segno Bruno Conti, con un grandissimo colpo di sinistro, e Cerezo.

Bisogna aspettare undici anni prima di un nuovo successo giallorosso. Il 12 ottobre 1996 la Roma di Carlos Bianchi strapazza per 3-0 i rossoneri di Tabarez. Apre le danze uno splendido pallonetto, quasi da linea di fondo, di , lesto nel rubar palla a Sebastiano Rossi e a disegnare una parabola impensabile che l’Olimpico saluta con il boato dei giorni migliori. Gli altri due gol sono realizzati da
Cappioli e Balbo, per una delle pochissime gioie di una stagione nera.



La stagione seguente, il 3 maggio 1998, arriva il successo più largo della Roma sul Milan. I giallorossi di Zeman schiantano la squadra di Capello, dilagando per 5-0. Un grandissimo gol di Candela da fuori area apre le marcature, quindi la doppietta di Di Biagio, Paulo Sergio e Delvecchio nel finale, per quello che rimarrà tra i successi più prestigiosi della Roma del biennio Zeman. Il 27 febbraio 1999 a decidere il confronto è invece un preciso colpo di testa di Paulo Sergio, magistralmente servito da un assist di . Una sfida affrontata con piglio e tenacia dagli uomini di Zeman, nonostante il testa a testa tra i rossoneri e la Lazio potesse far pensare a una Roma arrendevole e demotivata. 
Il 27 maggio 2001, contro il Milan di Cesare Maldini, la Roma si gioca il primo match ball scudetto. La cornice suggestiva di un Olimpico vestito a festa viene gelata dal vantaggio di Coco in chiusura di primo tempo. La ripresa è un assalto all’arma bianca, con continui sussulti. Uno splendido pallonetto di Montella a superare Rossi fa esplodere lo stadio. In alcuni momenti si sentono nitidamente tremare le fondamenta dell’impianto, tale la voglia di portare a casa i tre punti. Alla fine il confronto termina 1-1, con un palo di Roque Junior in zona Cesarini e il pareggio dell’interista Dalmat contro la Lazio, che allontana i biancocelesti dalla vetta. La gioia di al momento dell’annuncio del pareggio dell’Inter è la conferma che il tricolore è ormai vicino.

Il 16 dicembre 2001 è un gol di , con deviazione decisiva di Chamot, a regalare i tre punti alla Roma di Capello, fissando il risultato sull’1-0. Il 15 gennaio 2006 è invece Mancini a decidere il confronto a favore della Roma di Spalletti, in piena corsa verso il record delle undici vittorie consecutive. La Roma si impone 1-0 sul Milan di . Una prova di forza per i giallorossi che, pur rischiando tantissimo contro Kakà e compagni, riescono nel finale a trovare la ripartenza giusta, sfruttata dall’esterno brasiliano, aiutato da una deviazione di Stam che chiama fuori causa Dida.



Il 31 marzo 2007 la sfida si conclude sull’1-1. La Roma, con l’inedito sponsor “one shot” delle lattine Pepsi Cola sulla maglia, trova il vantaggio grazie a un grandissimo di Mexes, lesto a sfruttare uno schema da corner. Il gol di Gilardino nella ripresa fissa il risultato sul pari. Pirotecnica ed emozionante il confronto del 15 marzo 2008. La Roma, in corsa scudetto alle spalle dell’Inter, va sotto con il gol di Kakà ad inizio ripresa. Ma la reazione è veemente. Prima una sforbiciata di Giuly, quindi un preciso di Vucinic, servito da sul filo dell’ off side, regalano a Spalletti un sofferto 2-1 che consente di mantenere intatte le speranze di aggancio ai nerazzurri.



Spettacolare anche il 2-2 dell’11 gennaio 2009.
Le doppiette di Pato e Vucinic infiammano una sfida tiratissima fino ai minuti di recupero, con i rossoneri che dopo il vantaggio rischiano di dilagare e la Roma che, ottenuto il pareggio, sfiora il colpaccio nel finale. L’ultimo precedente in ordine di tempo è dello scorso 6 marzo 2010. La Roma di Ranieri, dopo una cavalcata impressionante, è ormai alle spalle di Inter e Milan.

La sfida ai rossoneri può rappresentare il balzo decisivo. La cornice è quella dei grandi eventi, complice anche la scelta illuminata della società di abbassare i prezzi dei tagliandi nonostante il match di cartello. La partita non è però all’altezza delle aspettative e termina con uno scialbo 0-0 che favorisce solo i nerazzurri di Mourinho. La Roma non riesce a pungere e sfiora il gol solo nel finale con un potente sinistro di Riise, mentre i rossoneri di Leonardo reclamano per un possibile fallo da rigore di Burdisso su Huntelaar.

 

ROMA-MILAN 1928/1929

ROMA-MILAN 1957/1958

ROMA-MILAN 1962/1963

ROMA-MILAN 1965/1966

ROMA-MILAN 1983/1984

ROMA-MILAN 1984/1985

ROMA-MILAN 1985/1986

ROMA-MILAN 1988/1989

ROMA-MILAN 1992/1993

ROMA-MILAN 1996/1997

ROMA-MILAN 1997/1998

ROMA-MILAN 2000/2001

ROMA-MILAN 2003/2004

ROMA-MILAN 2007/2008

ROMA-MILAN 2009/2010

 

Alessandro Monzio Compagnoni