STROOTMAN: "Chiesi il permesso ad Aldair di indossare la '6'" (VIDEO)

15/06/2017 alle 14:36.
strootman-sud

Continua la rubrica di . Oggi il centrocampista olandese racconta la preparazione di un match, regalando anche un aneddoto sulla scelta del numero 6. Questo il racconto di : "Nel giorno della partita facciamo colazione e poi andiamo in palestra. Facciamo un gioco stile volley ed alcuni esercizi per preparare e svegliare i muscoli. Poi c’è il pranzo e la riunione di squadra prima di partire per lo stadio. In campionato siamo dietro la prima, ma stiamo facendo tutto quel che possiamo per vincere qualcosa. E’ difficile dire cosa si proverebbe in caso di vittoria, è una cosa che viene da sé, la cosa più importante è semplicemente la vittoria. Ogni partita è importante, ma alcune sono speciali rispetto alle altre. Il derby o le sfide contro le squadre più importanti, sono gare diverse. Quando ti riscaldi e vedi i tifosi allo stadio capisci quanto è importante il match. Puoi sentire la tensione, ma quando inizia, e penso di poter parlare per tutti, la tensione scompare. Siamo un gruppo esperto, nessuno di noi affronta la Serie A per la prima volta. Siamo tutti abituati allo sviluppo di un match. Il numero che indosso, il 6, apparteneva a Aldair, il suo è un nome ancora grande a Roma. Infatti avevano ritirato la sua maglietta. Ha dovuto darmi il permesso per giocare con il 6 sulle spalle. E’ speciale. Porto la sua eredità sul campo con me, devo indossarla con orgoglio e provare a rendere gli altri orgogliosi".