Primavera, A. De Rossi: "Meritavamo la vittoria, ma oggi troppo statici. Pellegrini l'ho visto benissimo"

14/04/2018 alle 17:11.
virtus-entella-v-as-roma-primavera-tim-cup-2

ROMA TV - Ai microfoni dell'emittente ufficiale del club è intervenuto il tecnico della Primavera, Alberto , al termine del match contro la Sampdoria pareggiato per 2-2.

Non un momento positivo, sfortunata la Roma anche con quei 3 pali.
"E’ vero, meritavamo la vittoria. Ma oggi è un passo indietro rispetto a come vedo solitamente la squadra. Anche alle partite perse con , Atalanta e Udinese. Attaccavamo più la profondità, mentre oggi siamo stati più statici. Sapevamo che la Samp si sarebbe difesa".

Diversi cambi oggi. 
"Sì, Ganea cerchiamo di recuperarlo ma l’infortunio lo tiene lontano da una buona forma fisica. Le abbiamo provate tutte, ma per me la squadra deve essere più brillanti. Sono stati statici, li ho visti troppo positivi, l’hanno presa troppo comoda. Con squadre così chiuse non si può sbagliare e tenere palla per trovare il varco giusto".

Recuperato per due volte lo svantaggio. 
"Questo è positivo, siamo andati due volte sotto e abbiamo pareggiato sempre. Nel primo tempo potevamo essere tramortiti invece abbiamo reagito. Nel secondo tempo invece loro ne hanno approfittato. Abbiamo creato e forse meritavamo la vittoria, ma così non è stato".

Pellegrini?
"Benissimo, a livello di corsa, nei ripiegamenti, negli inserimenti e nell'1-1. Molto positivo il suo rientro".

Il Milan?
"Altra gara difficile. Oggi dovevamo vincere a tutti i costi anche per questo motivo. Sarà una partita difficile, sarà diversa sotto il profilo tattico ma andiamo lì per fare risultato".

Ha pesato la sosta?
"Valuteremo anche questo. Ho visto qualche giocatore che solitamente fa tanti chilometri in campo farne un po’ di meno. Eravamo un po’ fermi e un po’ troppo ottimisti. Qui bisognava cercare gli spazi giusti. Valuteremo insieme allo staff per vedere se fare qualcosa dal punto di vista fisico, anche se non credo a questo punto della stagione. Ricordiamo che abbiamo fatto tante partite e tanti nostri giocatori sono spesso impegnati con le nazionali".