Roma-Atalanta, STROOTMAN: "Il primo tempo è stata una vergogna, in 4 anni mai fatta una partita del genere. Dobbiamo prenderci le responsabilità" (VIDEO)

06/01/2018 alle 20:25.
as-roma-v-atalanta-bc-serie-a-52

Queste le dichiarazioni di , centrocampista della Roma, rilasciate alla stampa al termine della sfida persa con l'Atalanta:

A ROMA TV

La tua analisi
Nel primo tempo è stata una vergogna giocare così in casa è una cosa mentale, manca forse la fiducia per prendere la responsabilità, non è una cosa fisica o tattica. Nel primo tempo era come giocare in undici contro tredici o quattordici perchè arrivavamo sempre tardi sulla palla e dobbiamo uscire da questo momento di difficoltà. Siamo in difficoltà e dobbiamo lavorare forte per tornare al nostro livello

Serve fare punti anche non giocando bene
Per arrivare a prendere i tre punti bisogna fare di più. Devo fare molto meglio se parlo per me ma tutti devono prendersi la responsabilità perché se giochiamo così in casa... Negli ultimi 4 anni non ho mai fatto una partita del genere e questo non può succedere. Nel secondo tempo abbiamo provato tutto ma è stato troppo tardi

Perchè non riuscite mai a rimontare?
Non lo so, nelle ultime 5 o 6 partite non so cosa è successo. Dopo la qualificazione in abbiamo molato, non so come dire, è difficile spiegare, se sappiamo di quello che c'è da migliorare lo faremmo anche stasera, ma è difficile. Per arrivare a fare gol dobbiamo fare di più, aiutare gli attaccanti, oggi nel primo tempo malissimo. Nel secondo tempo abbiamo dato tutto ma non basta giocare 45'

E' importante il dialogo nello spogliatoio...
Si ma pensate che non lo facciamo? Siamo tutto il giorno a Trigoria, lavoriamo dentro e fuori dal campo, oggi tutti dicono che non ho fatto un ca**o ma facciamo tanto per migliorare, il mister lavora ogni giorno ma è una cosa di fiducia ma si può riprendere solo con una vittoria in una grande partita. Mi piace aiutare i compagni ma se gioco come oggi non posso aiutare nessuno giocando così male, dobbiamo guardarci allo specchio per migliorare. Dopo la sosta dobbiamo avere la sosta per riprendere la fiducia perché dobbiamo uscire da questo momento di difficoltà e lo faremo

A SKY SPORT

Cosa è successo a questa Roma, nelle ultime 5 partite: una vittoria, due sconfitte e due pareggi.
Nelle ultime 6-7 partite abbiamo preso pochi punti, quello che è successo nel primo tempo non può succedere a casa nostra. Atalanta ha giovato bene, ma abbiamo lasciato loro troppo spazio per giocare. Nel secondo tempo abbiamo pareggiato ma non abbiamo giocato bene.

L’impressione è che si sia smarrito il giocare in modo collettivo, ti sembra che il gruppo abbia perso il percorso verso il gioco di squadra?
Oggi non abbiamo meritato di vincere per tutti i 90’. Non abbiamo giocato come una squadra, dobbiamo lavorare insieme, ma secondo me è questione mentale. Tutti dobbiamo prenderci la responsabilità, guardarci allo specchio, non dobbiamo parlare tanto e lavorare fortemente per uscire dal momento di difficoltà.

Hai qualche soluzione oltre il lavorare?
Penso manchi la fiducia, anche davanti la porta ma in tutto il campo. Per prendere la fiducia dobbiamo prendere i punti, la cosa più importante è stare uniti. Dopo la sosta dobbiamo dimostrare di essere uniti. Due mesi fa tutti dicevano che eravamo un gran gruppo e dobbiamo dimostrarlo. Adesso dobbiamo riposare, non so se sia meglio o peggio

IN MIXED

Cosa sta succedendo alla Roma? Perché l’ingranaggio si è bloccato?
E’ difficile spiegarlo. La prestazione del primo tempo è una cosa che non può succedere in casa nostra. Non abbiamo per niente meritato di vincere oggi. Non abbiamo giocato come una squadra. Nel secondo tempo abbiamo dato tutto e così deve essere sempre. 11 contro 10 era più facile ma dobbiamo lavorare forte, stare insieme e non parlare per uscire da questo momento di difficoltà. Buttare tutto quello che è stato fatto in un mese non può accadere. ha avuto bellissime parole su di te alla vigilia.

Come giudichi la tua prestazione oggi?
Non devo dire come ho giocato io, perché non è importante. Io so che ho giocato male ma non dobbiamo pensare così perché siamo una squadra e questo mancava oggi. Non abbiamo giocato come una squadra. Io mi prendo le mie responsabilità perché ho giocato male e così non aiuto nessuno. Se il mister ha avuto belle parole va bene ma io so che devo migliorare, devo lavorare forte ma dobbiamo pensare come una squadra. Monchi ha parlato di eccessiva esaltazione dopo le partite vinte.

Anche voi avvertite questa sensazione?
Forse è così. Forse abbiamo mollato mentalmente. In campo e in allenamento fisicamente diamo sempre tutto, per me è più una cosa mentale come nel primo tempo oggi. Spero che sarà l’ultima volta perché davanti ai nostri tifosi non possiamo giocare così. Dobbiamo fare molto meglio, dobbiamo riprendere la fiducia a per questo servono i tre punti. Dobbiamo essere uniti, guardarci allo specchio e uscire da questo momento di difficoltà.

____________________________________________________________________________

PREPARTITA

A ROMA TV

Partita importante
Ogni partita è importante, ancora di più in questo momento. Sarebbe importante vincere per poi ricominciare meglio dopo la sosta

Il mister ha chiesto concretezza
Sì certo perché abbiamo visto le statistiche, tiriamo tanto e arriviamo sempre davanti la porta ma nelle ultime gare facciamo pochi gol, manca questo. I gol danno fiducia, quindi dobbiamo essere più cattivi. Speriamo di prendere così i tre punti.

I pericoli dell’Atalanta?
Ogni squadra che affronta l’Atalanta è in difficoltà, loro fanno bene, penso agli ultimi 4 anni. Sarà difficile ma dobbiamo dimostrare a casa nostra che siamo pronti per prendere i tre punti.

A MEDIASET

Quanto pesa una vittoria stasera?
Dopo alcune partite così è importante vincere e prendere i tre punti. Manca un po’ di fiducia, ora la nostra squadra è così, dobbiamo vincere e dare tutto per portare i tre punti a casa.

Vi ha colpito la gestione del caso ?
Ha parlato il mister ed il club, anche ha chiesto scusa e sa di aver sbagliato, dopo questa cosa finirà e tornerà con noi.