NZONZI: "Serve continuità. De Rossi mi ha aiutato molto"

01/11/2018 alle 15:17.
as-roma-vs-cska-mosca-uefa-champions-league-20182019-15

SKY SPORT - Steven Nzonzi, centrocampista della Roma, è stato intervistato dall'emittente satellitare a pochi giorni dal match di campionato con la . Queste le sue parole:

Se ripensa al mondiale vinto in estate, cosa ricorda?
Ricordo quando ho visto la coppa per la prima volta. dovevo giocare, ma sono andato in panchina. Ricordo di aver visto la coppa all'ingresso delle squadre, solo quello.

La Serie A, come se l'aspettava?
E' un campionato di alto livello, con delle squadre molto ben schierate tatticamente. tutte le paritte sono difficili, proprio come in Ligue 1.

La , ci sono similitudini con quello che sta facendo in Francia il PSG?
C'è qualche somiglianza, sono entrambe squadre che dominano e hanno dominato i loro campionati negli ultimi anni.

Il suo inserimento?
La cosa più importante per me è allenarmi bene e sentirmi bene. Ci sono partite che riescono meglio di altre, ma se sto bene posso dare il mio contributo.

Il rapporto con ?
Mi ha aiutato molto al mio arrivo, mi dà consigli. Fa un po' da intermediario quando il tecnico spiega gli schemi. Un giocatore molto importante.

Come l'ha convinta Monchi?
Ho un ottimo rapporto con lui dai tempi del Siviglia, mi parlò in termini positivi della Roma e mi ha convinto così, parlando del progetto, dell'allenatore, di tutto.

La gara con la ?
Tutte le partite sono importanti e difficili, specie quelle fuori casa. E' una partita da vincere e dobbiamo vincere, non abbiamo avuto grande continuità in campionato ma stiamo migliorando poco a poco. L'importante è finire bene per raggiungere i nostri obiettivi.

Perchè questi alti e bassi?
A inizio stagione tutti devono trovare la giusta posizione. Abbiamo avuto un inizio difficile ma abbiamo un'ottima squadra, la stagione è ancora lunga

Preferisce giocare in un centrocampo a due o a tre?
E' uguale, sono un giocatore che si sa adattare. Con due mediani abbiamo fatto bene, a tre invece dobbiamo migliorare. L'importante è parlarsi e coordinarsi in campo per fare bene i movimenti.

Sa chi è stato l'ultimo francese ha vincere uno scudetto a Roma?
Si, Candela.

Quanto bisognerà aspettare per vederne un altro?
Bella domanda, il più presto possibile spero. Ma non è facile, c'è tanto da lavorare.