Fiorentina-Roma, Pioli: "È stata una serata quasi perfetta. Bene il passaggio del turno, ma c'è ancora tanto cammino da fare"

30/01/2019 alle 20:20.
fiorentina-vs-roma-serie-a-tim-20182019-25

Queste le parole del tecnico della , Stefano Pioli, al termine del match di Coppa Italia contro la Roma, vinto dai viola 7-1:

PIOLI A RAI SPORT

Cosa le è piaciuto di più?
I ragazzi hanno messo tanta qualità. Per battere un avversario come la Roma serviva compattezza e spirito di sacrificio.  È stata una serata quasi perfetta, sono soddisfatto. I ragazzi meritano la Coppa Italia, l’hanno preparata bene. Chiaro che è solo un passaggio del turno, c’è tanto cammino da fare. Adesso ci concentriamo sul campionato.

PIOLI IN CONFERENZA STAMPA

“Potrebbe essere la serata più bella da quando alleno, i giocatori stanno crescendo per portare a casa delle soddisfazioni. E’ bello arrivare in semifinale, ma in queste competizioni conta vincere".

Muriel?
"Ci ha portato qualcosa in più sulla qualità tecnica e sulla presenza in campo, ma già da Milano e da Genova la squadra aveva dato segnali di crescita, anche se i risultati non confermavano tale crescita. E’ una settimana importante, l’abbiamo iniziata e proseguita bene, ma finirà a Udine. Ci sono tante squadre nel giro di pochi punti. I risultati positivi fanno la differenza, specie per una squadra giovane. Da inizio anno non abbiamo sbagliato una prestazione e questo ci dà forza, dobbiamo essere bravi a gestire il risultato, dobbiamo capire perché è arrivato questo risultato, non possiamo fare a meno dell’umiltà. Domenica ci aspetta un avversario con l’acqua alla gola, servirà molta concentrazione, sarà una partita dura. Abbiamo giocato bene e sfruttato le occasioni che abbiamo preparato. Conoscevamo le situazioni della Roma, siamo stati bravi, abbiamo sempre concretizzato le occasioni da gol, questo ci ha dato fiducia".

Chiesa?
"Doveva fare un salto importante sul piano realizzativo. Ha trovato più precisione in fase di gol. La sua crescita non è ancora finita, è cresciuto tanto anche sul piano mentale, adesso è un uomo, fino a poco tempo era un ragazzino. La botta? Non ci riuscivo a capire se ce la avesse male no, sembrava morto."

Mirallas?
"Sapeva da una settimana che oggi avrebbe giocato, lo volevo far giocare un po’ anche contro il Chievo, è un giocatore di qualità, per me è titolare. Rispetto ad inizio campionato ho più possibilità di scelta, è una fortuna per me".

Simeone?
"Sperava di giocare dall’inizio, ma è entrato con la voglia giusta. Si può essere determinanti anche entrando dalla panchina. Abbiamo tanti pregi perché siamo giovani, ma anche difetti. Il lavoro sta dando i suoi risultati. E’ giusto festeggiare, ma da domani serve ricominciare a lavorare. Per andare in Europa serve correre".

Hugo?
"Ha avuto un risentimento muscolare, la vedo dura che possa recuperare per domenica".