Amantino Mancini: "Lazio-Roma il derby più sentito, il mio gol resterà nella storia"

15/04/2018 alle 17:31.
foto-scaramuzzino-omega-3

GIANLUCADIMARZIO.COM - Stasera ci sarà il derby della Capitale e a poche ore dal calcio d'inizio un ex giallorosso ricorda una sua prodezza nella stracittadina con la Lazio. Si tratta di Amantino Mancini, ex attaccante della Roma, che torna con la memoria al suo gol di tacco del derby del novembre del 2003. "Di quel giorno conservo tutti i ricordi, prima della partita, l’atmosfera di Roma in quei giorni. Il gol che ho fatto è stato meraviglioso, veramente bellissimo che rimarrà nella storia della Roma e del derby. Un ricordo bellissimo”, racconta in esclusiva a GianlucaDiMarzio.com.

“Il derby di Roma è quello più sentito degli altri che ho giocato. Sono arrivato nel 2003 a luglio e la partita dove ho segnato il gol di tacco si giocava a novembre. Appena arrivato mi hanno detto “Mi raccomando il derby” e mancavano ancora quattro mesi alla partita. Questa cosa mi ha stupito e mi è rimasta. Caspita mancavano quattro mesi e già mi chiedevano del derby! Nelle altre città si parla del derby al massimo una settimana o dieci giorni prima”.

Poi l'ex giallorosso passa all'impresa di martedì scorso con il : “Qualcosa che rimarrà nella storia. Un’impresa del genere con un avversario così forte e con tre gol da recuperare era impossibile da credere. È stata veramente una vittoria che non si poteva immaginare. A Lione bei ricordi però credo che questa con il rimarrà di più nella storia visto come è andata contro un avversario come il . Anche a Lione è stata una bella serata, con il gol che ho fatto io, ma penso che col vale di più”.

Infine una battuta su un grande interrogativo per il finale di stagione, più facile vedere la Roma vincere la  o il Brasile vincere il Mondiale? “Sono brasiliano, vincere il Mondiale. Non so se è più facile, però il Brasile ne ha vinti cinque. La Roma in non ha mai vinto. Questa cosa conta tanto secondo me. Magari vince la Roma la e il Brasile il Mondiale, sarebbe perfetto”.

VAI ALL'ARTICOLO ORIGINALE