Falcao, presentato il docufilm sull'ex giallorosso: "La Roma guarda al futuro, con lo stadio sarebbe ancora più grande. Totti-Spalletti? L'importante è che si rispettino" (AUDIO, FOTO E VIDEO)

21/02/2017 alle 15:17.
falcao-2

DA TRIGORIA MATTEO DE ROSE - Paulo Roberto Falcao fa ritorno a Trigoria. L'ex calciatore della Roma ha preso parte alla presentazione ufficiale del docufilm "Chiedi chi era Falcao", realizzato da Roma Studio ,che sarà trasmesso da Roma TV giovedì 23 febbraio alle 22, dopo la gara tra Roma e Villarreal. Un excursus di tutta la carriera romanista e non solo del Divino con i passaggi noti e retroscena sconosciuti al grande pubblico.

GUARDA LE FOTO

LIVE

16.09 - Termina la conferenza stampa.

15.50 - Prende il via la conferenza stampa: - ASCOLTA L'AUDIO

Ascolta Falcao in conferenza stampa 21.02.17" su Spreaker.

L’amore dei tifosi?
L’amore non si definisce, quello che sempre mi colpisce è vedere un ragazzo di 20 anni che mi vede e si emoziona. Un conto è chi mi ha visto giocare e vedere vincere lo scudetto, ma veder emozionato un ragazzo che non era nemmeno nato quando giocavo è qualcosa di inspiegabile, che però mi rende felice.

Sei ricordato per il carisma e per la mentalità che hai portato nel gruppo. Come spiegheresti questo ultimo concetto?
La Roma aveva già la mentalità vincente, ma era difficile controbattere alla . Io ho sempre detto che non si vince e non si perde prima di aver giocato. Era una squadra che poteva dare di più, doveva solo dimostrare che un giocatore da 5 poteva dare 8. E’ stato questo, forse, il mio contributo, più che quello tecnico. Conti era più tecnico di me, Di Bartolomei tirava più forte di me, Vierchowod più veloce… Abbiamo creato una squadra forte, ho fatto capire che si poteva arrivare a vincere le partite.

Quanti passi avanti ha fatto la Roma?
Sicuramente tanti, ora abbiamo una società vera. All’epoca ci allenavamo al Tre Fontane, il risultato si costruiva dentro il campo. Ora si può iniziare a costruire anche fuori. Ora c’è una Roma che non pensa solo al presente ma anche al futuro.

La grande rivalità con la , 35 anni dopo resta sempre Roma-. Che emozione ti dà questa sfida? E’ ancora politicamente difficile combattere la ?
La di allora era fortissima e lo è anche quella attuale. La vittoria di quegli anni è stata straordinaria: avevano metà Nazionale italiana, erano una squadra forte ma abbiamo fatto un’impresa. Non si potrà mai dire che quella non era forte. Sono felice che la Roma sia a questo punto, bisogna pensare in grande. E bisogna anche che ci sia un nuovo stadio, così la Roma sarebbe ancora più grande. Non voglio entrare nelle polemiche, sarebbe poco serio parlare di qualcosa che non conosco nei dettagli, ma è importante avere uno stadio di proprietà. Sarebbe la ciliegina sulla torta.

La ‘ragnatela’ di Liedholm, non c’è una linea sottile con il tiki taka di Guardiola visto a ?
Difficile fare paragoni ma ricordo che tutte le squadre in Italia marcavano a uomo, Liedholm invece voleva marcare a zona ed era difficile fare cambiamenti. Poi Sacchi ha cambiato qualcosa, faceva la marcatura a zona con il pressing, quando noi non lo facevamo. Liedholm lavorava molto poi sul possesso palla, la nostra era una squadra che sapeva giocare e che ha vinto meno di quello che doveva vincere. Ma non è un discorso limitato solo a quella Roma. Quello che abbiamo lasciato è un riconoscimento che mi fa molto felice.

Hai avuto la possibilità di fare un trasferimento record all’, che non andò in porto. Colpa del senso di appartenenza con la Roma? Cosa mancò nel mettervi d’accordo con il presidente Viola quando offrì la panchina della Roma?
Nel ’91 allenavo la nazionale brasiliana, c’era l’accordo con un biennale ma in quella settimana è venuto a mancare il presidente Viola e tutto finì lì. Per l’altra domanda, è tutto spiegato nel film.

E’ uno dei pochi che è riuscito a suscitare l’amore dei tifosi, come . Che opinione si è fatto del rapporto -?
Difficile farsi un’idea da fuori ma proverò a rispondere. meritava un pallone d’oro,
sta facendo benissimo. Sono due persone intelligenti, non è una cosa comune. Ma il rapporto mi pare buono, l’importante è che si rispettino. E mi auguro che giochi fino a 50 anni. Quando successe quella questione a febbraio l'avevo invitato a giocare con lo Sport Recife. Avevo la 10 pronta per lui, ma poi ha rinnovato (ride, ndr).

Che effetto fa vedere le partite della Roma senza curva?
E’ brutto, la non era solo all’Olimpico, ci accompagnava dappertutto. Spero che possano tornare, non entro nei dettagli che non conosco, ma i tifosi ci mancano e mi auguro che possano tornare.

Zico a Udine, Gullit a Milano, Maradona a e ora lei a Roma…
Ma vinco, sono stato qui già a gennaio… (ride. ndr)

Perché il calcio fa fatica a creare nuovi miti?
Ma ci sono giocatori straordinari, come nella nostra epoca. Certo, le cose cambiano e bisogna saper lavorare con i giocatori di adesso, oggi c’è internet e gli smartphone, noi avevamo la testa solo alla partita. Fare il calciatore oggi è diverso rispetto ai nostri tempi, ci sono tanti diversi interessi e tante possibilit. Il giocatore più pagato della mia epoca aveva come ingaggio la cifra che un giocatore di oggi prende in una settmana. Ma ci sono giocatori importanti, come ,
, Ronaldo o Iniesta.

15.43 – Ecco l’intervento di Falcao: “Rivedere questi momenti è qualcosa di speciale. Ho avuto a Roma un allenatore che mi ha aiutato molto. Bruno Conti è stato come un fratello per me, ma ci sono stati anche gli latri. Non era facile lottare contro squadre più forti, non tecnicamente ma politicamente. La squadra ha poi conquistato la simpatia con il bel calcio e grazie al lavoro amministrativo del presidente Viola, che ha trasmesso la sua grinta alla squadra. Liedholm mi ha aiutato molto. Eravamo una rosa di 20 giocatori, era molto difficile rispetto ai tempi attuali, erano altri tempi. Venivo da una squadra, l’Internacioal, che aveva praticamente vinto tutto e avevo grandi stimoli. Ringraziando Dio ho trovato la squadra adatta, che mi ha fatto sentire come se fossi ancora in Brasile. Ero qui con il corpo e con la mente, a volte gli stranieri che vengono a giocare in Italia ci sono solo con il corpo. Nel primo anno, quando abbiamo sfiorato lo scudetto, abbiamo gettato le basi per crescere”.

15.40 - Prende la parola il Mauro : "Questo sforzo produttivo è da inserire in un contesto più ampio, sappiamo che per altri motivi si era lasciata un po' andare la linea di continuità di questa squadra ma non c'è futuro senza conoscere il passato. Il legame con i tifosi è sempre stato l'essenza di questa squadra. Il pregio di tutto questo sforzo è avere di nuovo al nostro fianco questi protagonisti. Ero un tifoso bambino quando Falcao arrivò a Roma, avevo in camera un poster di Zico e ho visto gente in fibrillazione che andava a Fiumicino, dicendo che era in arrivo Zico. Il giorno dopo arrivò invece Falcao. C’ero quasi rimasto male, ma sono bastate poche settimane per trasformare la delusione in gioia. Quella era una squadra piena di talento che aveva bisogno di sentirsi importante e forte, l’arrivo di Paulo ha realizzato esattamente questo. Grazie Paulo per le gioie che ci hai dato".

".

15.24 - Dopo l'introduzione di Fiegnaviene proiettato uno spezzone del docufilm.

15.18 - Prende la parola Guido Fienga: "Volevo sfruttare l'occasione per spiegare cosa ha portato alla realizzazione di questo video, che sostanzialmente è il frutto del progetto media della Roma, di cui abbiamo avuto modo di parlare insieme più volte. Con questo prodotto entra in una seconda fase. Il progetto è nato tre anni fa, ha abbracciato un'iniziativa del nuovo azionariato, l'azienda ha investito molto e in tre anni ha portato a risultati che sono fonte di orgoglio e di stimolo. È un progetto che ha portato la visibilità della nostra società oltre le nostre aspettative e un servizio che abbiamo cercato di dare per avvolgere i fan il più possibile con le emozioni che la nostra squadra e la nostra storia creano, oltre alle informazioni di cui hanno bisogno per essere romanisti. Oggi siamo arrivati a essere una vera e propria società di produzione di contenuti, non solo di informazione. Questo è un risultato che ci piace sottolineare, per quanto riguarda il pubblico l'obiettivo è trasferire emozione e formazione per essere partecipi dell'esperienza di essere un tifoso romanista. Vi lascio alla visione di questo trailer, anticipandovi che il lancio sulla piattaforma Roma TV avverrà giovedì dopo la partita".

15.17 - Prende il via la conferenza. Presenti, oltre a Falcao, il della Roma Mauro , David Rossi, direttore artistico di Roma Radio e regista del docufilm dedicato a Falcao, e Guido Fienga, strategy & media director di As Roma.

15.10 - Si attende l'inizio della conferenza stampa. Presenti alcuni ex giocatori giallorossi, tra cui Bruno Conti, Roberto Scarnecchia e Ubaldo Righetti. Sarà ovviamente presente anche Paulo Roberto Falcao, arrivato in tarda mattinata al centro sportivo  e che ha assistito a parte dell'allenamento, intrattenendosi con i giocatori al termine della seduta.