Ritorno al futuro: servirà un girone con più di 30 punti. Ma Di Francesco ha fatto meglio dell'andata solo una volta (e mezza...) in carriera

10/01/2019 alle 10:25.
lp_8987516

LAROMA24.IT – Il tempo intermedio della Roma segna 1,58 ogni 90 minuti, una media che ha prodotto appena 30 punti alla fine del primo giro di Serie A, comunque abbastanza per rimanere a due passi dalle maniglie antipanico del 4° posto che darebbero l’uscita d’emergenza da una stagione altrimenti fallimentare. Se gli ultimi 2 campionati hanno fissato la quota per il quarto piano della classifica a 72 punti, la statistica accentua la necessità di aumentare i giri del motore per rientrare nel pacchetto destinato all’Europa migliore.

Per farlo serviranno dunque più dei 30 punti raccolti in un girone finora e , dopo aver rinsaldato il sedile di guida, dovrà riuscire in qualcosa che raramente gli è capitato in carriera. Fare meglio nel ritorno che all’andata, infatti, all’attuale tecnico romanista è successo solo nell’ultima stagione al quando rimediò ai miseri 18 punti guadagnati nelle prime 19 giornate facendone 10 in più nel secondo giro. Anche lo scorso anno, per esempio, dei 77 punti finali, la maggior parte (40) erano arrivati nel girone iniziale.

Sempre 3 punti furono la differenza, in negativo, tra andata e ritorno nel viaggio 2015/16 del allenato da che un anno prima aveva limitato le perdite fermandosi a un punto dal bottino rimediato nelle iniziali 19 gare. L’altro giro di ritorno positivo nella storia di è da considerarsi quello del 2013/14 quando i 17 punti in tutto il girone d’andata (record negativo) gli costarono l’esonero dal , dove al rientro totalizzò altri 17 punti ma nelle sole 14 gare rimastegli a disposizione una volta richiamato al proprio posto. Il conteggio non migliora neanche scendendo di categoria: nella Serie B del 2012/13, girò a 48 punti ma il finale di 85 segnala il -9 nel confronto tra andata e ritorno. Lo stesso malloppo di punti che il suo lasciò per strada due anni prima.

In totale, in 7 stagioni in cui ha iniziato e concluso al timone della squadra, solo una volta (oltre a quella con l'esonero di mezzo) è riuscito a migliorare il proprio tempo intermedio. Un passo avanti che sarà necessario, invece, per riuscire ad aggrapparsi a quelle maniglie antipanico a maggio.

MB

La carriera di tra andata e ritorno:

2017/18: andata 40 punti
ritorno: 37 punti

2016/17 (): andata 18 punti
ritorno 28 punti

2015/16: andata 32 punti
ritorno 29 punti

2014/15: andata 25 punti
ritorno 24 punti

2013/14: andata 17 punti
ritorno 17 punti ma in 14 gare (5 esonerato)

2012/13 (in Serie B): andata 48 punti
ritorno 37 punti

2011/12 (Lecce): andata 8 punti in 13 partite (esonerato)

2010/11 (, Serie B): andata 31 punti
ritorno 22 punti

2009/10 (): ritorno 25 punti in 14 partite (subentrato)

2008/09 (Virtus Lanciano): andata 21 punti in 20 partite (esonerato)