MALCOM: chi è? (VIDEO)

21/07/2018 alle 11:24.
malcom-bord

LAROMA24.IT (Stefano Serrani) - Malcom Filipe Silva de Oliveira, meglio noto come Malcom, ruolo esterno destro d'attacco, sarà verosimilmente il prossimo colpo di mercato della Roma. Le ultime indiscrezioni vogliono Monchi ad un passo dal brasiliano del Bordeaux: dopo aver offerto 2.5 milioni l’ingaggio per cinque anni al giocatore (che aveva già accettato i giallorossi)  il ds romanista ha messo sul piatto 35 milioni di euro più bonus, pareggiando l’offerta dell’Everton (che lo ha mollato virando su Richarlison) e appena arriverà l’ok definitivo del presidente del Bordeaux, il brasiliano sbarcherà nella Capitale.

LA CARRIERA - Malcom, nato a San Paolo il 26 febbraio 1997, fa il suo esordio con la prima squadra del Corinthians, a soli 17 anni, sotto la guida di Mano Menezes e tra il 2014 e il 2015 colleziona 51 presenze e 7 reti nella massima divisione brasiliana. Il 31 gennaio 2016 passa al Bordeaux che si assicura le prestazioni del giovane esterno offensivo pagandolo 5 milioni di euro. Il successivo 10 febbraio arriva il primo gol in Coupe de France contro il Nantes, il 7 maggio va per la prima volta a segno in Ligue 1 allo Stade Matmut-Atlantique  contro il Lorient. Nella stagione 2016/17 scende in campo 45 volte con un bottino finale di 9 reti mentre nella stagione 2017/18 colleziona 38 presenze e 12 reti.

CARATTERISTICHE TECNICHE171 cm per 71 kg, sopperisce ad una struttura fisica non straordinaria con un'innata abilità nel dribbling e nella progressione palla al piede. Mancino naturale, ma capace di disimpegnarsi con la stessa disinvoltura col destro, può giocare su entrambe le fasce o come seconda punta. Rapido e tecnico, tende a partire dalla fascia destra per accentrarsi e sfruttare il suo sinistro. Viene associato da molti (in patria) a Robinho ma nelle ultime ore avanza il nuovo illustre paragone con Douglas Costa: considerando il trascorso dei due brasiliani in Serie A (entrambi allenati da Allegri) è evidente come la speranza dei tifosi romanisti sia che la riuscita del giovane talento brasiliano possa essere ben diversa da quella della meteora milanista.